Sei Nazioni, la carica della rugbista Locatelli: “In campo per vincere”

La terza linea azzurra parla alla vigilia della sfida contro l'Inghilterra: "Temiamo la loro fisicità, ma anche noi siamo forti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È il nono minuto del primo tempo della partita di Cardiff, in casa delle temibili gallesi, quando Isabella Locatelli, al primo affondo della Nazionale che fino a quel momento aveva dominato i primi scambi della partita, segna la prima meta nella vittoria per 22-15 dell’Italia.

Domani a Parma, diretta su Eurosport 2 e Eurosport Player con collegamento a partire dalle 14.45, la terza linea ala azzurra partirà dalla panchina nella partita d’esordio, per l’Italia, nel Sei Nazioni femminile 2021. Nuova formula per il torneo, si giocherà di meno: previsti due gironi da tre squadre ciascuno, con una gara interna ed una esterna per ogni squadra. Una volta completata la fase a gironi, le squadre si affronteranno con la pari classificata del girone opposto.

“Finalmente si torna in campo- sorride Isabella Locatelli, intervistata dall’agenzia Dire- temiamo la fisicità dell’Inghilterra, sicuramente fa tanto”, spiega. E ancora: “Quella è la parte più complicata- continua la giocatrice di Monza- Per quello che riguarda il gioco, loro hanno più minuti nelle gambe rispetto a noi. Comunque partiamo tutte dallo stesso punto, sarà tutto da vedere”.

In ritiro ormai da alcuni giorni, le azzurre vivono nella ‘bolla’, come previsto dal protocollo del Sei Nazioni contro la diffusione del covid-19. “Siamo 26, di sicuro c’è quella con cui parli di più o quella con cui parli di meno, è normale- continua Locatelli- L’abbiamo comunque già vissuta, questa situazione, alla Coppa del Mondo di 4 anni fa, io personalmente non vedevo l’ora di tornare in questa ‘bolla’, mi mancava. I nostri progressi? Grazie alla passione che ognuna di noi mette in tutto quello che fa, la costanza con cui trova il tempo per allenarsi. Io, per esempio, vado in pausa pranzo ad allenarmi. E poi siamo sempre state un grande gruppo”.

Per quanto riguarda la partita di domani e quelle del resto del torneo, “andiamo a giocare, chi abbiamo davanti è indifferente, per quanto una partita sia poi più o meno difficile. Ce la siamo sempre giocata con chiunque, ci abbiamo messo sempre tanta passione. Quando è stato possibile, siamo andate al campo ad allenarci, altrimenti lo abbiamo fatto a casa. Ci siamo adattate nonostante tutto. La giusta preparazione c’è da parte di tutte. Siamo sempre state un grande gruppo”.

Per quanto riguarda gli obiettivi, “il mio personale è quello di rientrare al meglio, è da tanto tempo che sono fuori e finalmente si torna in campo. L’obiettivo della squadra? Vincere. Ci proveremo in tutti i modi. Si guarda partita per partita, iniziamo dall’Inghilterra e poi vediamo”.

LEGGI ANCHE: Rugby, capitana Furlan: “Mi piange il cuore a vedere gli uomini perdere”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»