Covid, Sardegna in zona rossa: lo conferma Speranza

controlli-dpcm_coronavirus-scaled
L'assessore regionale alla Sanità ufficializza il passaggio dell'isola dalla zona arancione a quella rossa, in attesa dell'ordinanza del ministro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – “Mi ha chiamato il ministro Roberto Speranza, la Sardegna entrerà in zona rossa“. Così alla “Dire” l’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu, ufficializza il passaggio dell’isola dalla zona arancione a quella rossa, in attesa dell’ordinanza del ministro.

LAI: PAGHIAMO LA ZONA BIANCA ANTICIPATA

“Paghiamo gli errori, soprattutto in alcune aree dell’isola, l’arretratezza della campagna vaccinale e la zona bianca anticipata. L’economia è allo stremo, non bastano più le parole, servono i fatti”. Così Eugenio Lai, consigliere regionale di Leu.

ISS: IN 8 REGIONI RT SOPRA 1, SCENARIO 3 PER SARDEGNA E VALLE AOSTA

“Nel periodo compreso tra il 17 e il 30 marzo, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,92 (range 0,82- 1,01), in diminuzione rispetto alla settimana precedente e sotto l’uno. Otto Regioni/PPAA hanno un Rt puntuale maggiore di uno. Tra queste, due Regioni (Sardegna e Valle d’Aosta) hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 3 (“trasmissibilità sostenuta con rischi di tenuta del sistema sanitario nel medio periodo”, ndr). Sei Regioni hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 2 (“trasmissibilità sostenuta ma gestibile dal sistema sanitario”, ndr)”. È quanto si legge nella bozza dell’ultimo monitoraggio della Cabina di Regia dell’Istituto superiore di Sanità sulla situazione epidemiologica del Covid-19.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»