Uk, è morto il principe Filippo: si è spento ‘serenamente’ a 99 anni

principe filippo
Filippo, 73 anni trascorsi al fianco della Regina, usava definirsi un nobile "con nessun merito particolare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Regno Unito piange la scomparsa del principe Filippo, duca di Edimburgo. Del decesso ha riferito la regina Elisabetta II in una nota diffusa da Buckingham Palace. “È con profondo dolore che Sua maestà la Regina annuncia la morte del suo amato marito, Sua Altezza Reale il Principe Filippo, Duca di Edimburgo” si legge. “Sua Altezza Reale si è spenta serenamente questa mattina al Castello di Windsor”.

Novantanove anni, 73 dei quali trascorsi al fianco della Regina, il principe era stato dimesso dall’ospedale tre settimane fa, dove era stato ricoverato per un mese per curare un’infezione e altre patologie pregresse. Durante il lungo ricovero aveva subito anche un intervento al cuore.

Filippo, ricorda la stampa britannica, usava definirsi un nobile “con nessun merito particolare”, tuttavia viene oggi ricordato per essere stato la “salda figura al fianco della Regina Elisabetta” e per aver contribuito a “modernizzare la monarchia”, come evidenzia il Guardian.

A causa dell’età avanzata e i problemi di salute, il duca di Edimburgo decise di uscire dalla scena pubblica nel 2017 ma ciò non gli impedì di prendere parte l’anno seguente alle nozze del secondogenito del figlio Carlo, il Principe Harry, con Meghan Markle.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»