Vaccino, Bassetti: “Astrazeneca non è stato difeso, rischio deriva No Vax”

matteo bassetti
"Come facciamo a coprire la popolazione dai 16 ai 59 anni, se l'Ema consiglia di fare Astrazeneca dai 60 in poi?"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se i vaccini sono approvati in Europa, non c’è alcun motivo di passare per la centralizzazione europea. Siccome quest’ultima non è in grado di fornirci un numero adeguato di dosi, come facciamo a coprire la popolazione dai 16 ai 59 anni? Se non dovessimo averne abbastanza, potremmo acquistarli da canali diversi da quelli europei, anche a costo di pagarli di più”. Cosi’ Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova, in un’intervista a iNews24.it.

Per Bassetti “i benefici di Astrazeneca superano i rischi. Però, dopo che l’ente regolatore dice che è possibile l’associazione tra i casi di trombosi e la somministrazione, è normale che l’opinione pubblica abbia paura. Astrazeneca è stato cannibalizzato da un’informazione che non ha funzionato, da parte degli enti regolatori e probabilmente anche dell’azienda produttrice che non ha saputo difenderlo”.

Il direttore del San Martino continua: “Questa non è una campagna vaccinale qualsiasi e dobbiamo tener conto dell’opinione pubblica. Il rischio è una deriva NoVax. Dobbiamo spingere Astrazeneca sugli over 60, perché per quanto riguarda questa fascia d’età, abbiamo la certezza che sia efficace. Quindi preoccupiamoci di vaccinare loro. In questo momento a me preoccupa non tanto vaccinare tutti entro giugno, quanto vaccinare le persone anziane, che sono quelle che hanno pagato lo scotto maggiore in questa pandemia“.

Sulle dosi che tardano ad arrivare: “È evidente che l’Ema ieri ha deciso di non decidere. Credo che a questo punto gli Stati possano acquistare il vaccino fuori dall’Europa. Noi sappiamo che ci sono grossisti che hanno a disposizione milioni di dosi: ma perché non andare a comprarle in India, ad esempio? In passato abbiamo sempre acquistato vaccini in questo modo. Ovviamente sto parlando di Pfizer e Moderna e quando arriverà, anche di Johnson & Johnson. Se sono approvati in Europa, non c’è alcun motivo di passare per la centralizzazione europea. Siccome quest’ultima non è in grado di fornirci di vaccini adeguati, come facciamo a coprire la popolazione dai 16 ai 59 anni, se l’Ema consiglia di fare Astrazeneca dai 60 in poi? Possiamo farlo solo con Pfizer, Moderna e quando arriverà, Johnson & Johnson. Se non dovessimo averne abbastanza, potremmo comprarli da canali diversi di quelli europei, anche a costo di pagarli di più”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»