Nucleare, Giappone rilascerà in mare le acque radioattive di Fukushima

La decisione è destinata a suscitare le forti reazioni da parte dell'indotto della pesca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – È ormai certa la decisione di rilasciare in mare le acque di raffreddamento radioattive accumulate nei serbatori della centrale nucleare di Fukushima Daiichi in seguito al disastro naturale del 2011. La scelta verrà formalmente annunciata con tutta probabilità la prossima settimana, dopo l’incontro in programma tra il primo ministro Yoshihide Suga e la commissione di esperti tecnici nominata dal governo.

La decisione, giunta ad un punto di svolta dopo l’incontro di mercoledì tra il primo ministro e Hiroshi Kishi, presidente della federazione nazionale delle cooperative di pescatori giapponesi, è destinata a suscitare le forti reazioni da parte dell’indotto della pesca, preoccupato per le ripercussioni che la decisione avrà sull’economia di una vasta area del paese.

Il ministro dell’Economia, del commercio e dell’industria (METI) Hiroshi Kajiyama ha commentato la questione in conferenza stampa affermando: “È compito del governo coinvolgere la popolazione e i pescatori in questa decisione, spiegandone anzitutto i motivi tecnici che la rendono necessaria. Lavoreremo tutti insieme per giungere il più presto possibile ad una soluzione condivisa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»