Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Coronavirus, Ricci: “Molto peggio del 2008, ai Comuni servono 5 miliardi”

matteo ricci
L'avvertimento del sindaco di Pesaro, nelle Marche: "Metà dei Comuni italiani rischiano di saltare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – “La situazione è molto peggio del 2008. Servono almeno 5 miliardi a Province e Comuni”. Lo spiega alla Dire il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, che ha sottoscritto un documento, insieme ad una cinquantina di sindaci, in cui gli amministratori invocano risorse per salvare i bilanci degli enti locali.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Zaia: “Lockdown non esiste più, il 60% delle imprese venete è aperto”

Servono risorse e poteri per semplificare le procedure– spiega Ricci-. Abbiamo dimostrato con l’azione dei buoni spesa che i Comuni sono quelli che garantiscono maggiore velocità ed efficienza. Dall’altra parte però abbiamo bisogno, noi che siamo in prima linea, di tante risorse. Sui nostri bilanci questa emergenza ha avuto lo stesso effetto che ha avuto su imprese e famiglie perché non abbiamo più le entrate. Non riscuotiamo più la tassa di soggiorno, i parcheggi, le rette degli asili, la Tari è rinviata. Tra Comuni e Province servono almeno 5 miliardi nel decreto di aprile. Non è la solita trattativa dove i Comuni chiedono più risorse ma si tratta di salvare la coesione sociale perché metà dei Comuni italiani rischiano di saltare“.

Una situazione molto più critica di quella del 2008 quando, alla luce del Patto di Stabilità imposto dall’Ue, iniziarono le sforbiciate sui trasferimenti statali. “La situazione è molto peggio del 2008 perché la crisi economica è molto più veloce di quella del 2008- conclude Ricci-. Nel 2008 c’è stato un calo di fatturato non zero fatturato. Siamo in un mare di guai. Prima sconfiggiamo il virus prima rimettiamo in moto l’economia. Occorre organizzare la fase 2 che sarà una fase di transizione di almeno un paio di mesi. Quanto incide emergenza su Pesaro? Difficile dirlo ora. Basti pensare però che per la tassa di soggiorno avevamo previsto un incasso di 1,35 milioni mentre se va bene incasseremo 300mila euro. O, ancora, i parcheggi: solo a marzo200 mila euro di minori entrate”.

LEGGI ANCHE: Anci Marche: “Con i 400 milioni segnale alle famiglie in difficoltà”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»