Coronavirus, Sellerio regala la voce di Andrea Camilleri

Sul sito dell'editore è possibile scaricare gratuitamente l'audioracconto 'I duellanti'. E per chi lo volesse, la casa editrice invita a fare una donazione all’ospedale Spallanzani di Roma
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Da oggi, sul sito dell’editore Sellerio, e’ possibile scaricare gratuitamente l’audioracconto ‘I duellanti’, dalla raccolta ‘La Regina di Pomerania e altre storie di Vigàta‘, letto dalla voce di Andrea Camilleri

Nel 2012, per la pubblicazione della raccolta, Andrea Camilleri e l’editore Sellerio decisero che quel libro poteva svilupparsi anche in un App. E La Regina di Pomerania divenne la prima applicazione di Andrea Camilleri che, con la sua inconfondibile voce, lesse tutti i racconti della raccolta insieme ad altri contenuti extra disponibili in audio. 

LEGGI ANCHE: Rocco Schiavone e il Coronavirus, inedito di Manzini gratuito

Negli anni, la presenza dello scrittore siciliano e’ stata sempre un importante punto di riferimento, morale e intellettuale. E in questo tempo tra i piu’ difficili che l’Italia sta vivendo, la sua mancanza e’ un vuoto ancora piu’ grande. L’editore Sellerio e la famiglia Camilleri hanno quindi deciso di donare la lettura di uno dei suoi racconti piu’ brillanti per poter permettere di ascoltare e ritrovare la voce unica di Andrea. 

Introdotto da un video, riscoperto con commozione, l’audioracconto sara’ disponibile in formato digitale sul sito della casa editrice Sellerio, da dove potra’ essere ascoltato e scaricato gratuitamente. 

I lettori che vorranno fare una donazione troveranno le indicazioni per effettuare un versamento diretto a sostegno del lavoro dell’Ospedale Spallanzani di Roma.

Clicca qui per scaricare l’audioracconto.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»