VIDEO | Coronavirus, La Russa al collega del M5s: “Quello è un untore!”

Vincenzo Presutto accusato di non indossare un dispositivo di protezione a norma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La mascherina come arma del dibattito parlamentare. Accade al Senato dove Ignazio La Russa, di Fdi, accusa il collega M5s Vincenzo Presutto di non indossare un dispositivo di protezione a norma: “Quello e’ un untore”, gli grida La Russa, nel corso del suo intervento in aula sul dl Cura Italia. Il senatore di Fdi stava elogiando l’iniziativa del Corriere della Sera, che oggi porta il tricolore in edicola, quando il senatore pentastellato deve aver iniziato a riprenderlo con il cellulare.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Conte: “Allentamento alcune misure entro aprile”

Coronavirus, Capelli: “La Lombardia paga una riforma sanitaria fatta a metà”

“Senatore Presutto, non si possono fare riprese in Aula”, lo riprende infatti la presidente Casellati. Ma La Russa non si accontenta del richiamo della presidente. E attacca: “Che bello che sei con quella mascherina. Lo sai che quella mascherina non protegge? Quella mascherina sputa fuori la tua eventuale malattia!” Casellati prova a fermarlo: “Senatore La Russa, si rivolga alla Presidenza!” Ma La Russa continua a incalzare il collega: “Metti questa di mascherina! Quella non va bene. Quello e’ un untore! E’ un untore”, ripete rivolto all’emiciclo di Palazzo Madama, tra le proteste dal Gruppo M5S. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»