Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Israele, la cantante etiope Ester Rada: “C’è razzismo, lottiamo”

Rada ha suonato in tutta Europa e in America. Ha partecipato al Glastonbury festival e in Israele ha cantato anche con Alicia Keys. E dice: "Lotteremo per avere un mondo migliore"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TEL AVIV – “Il razzismo c’è in tutto il mondo, anche in Israele, l’ebraismo ci unisce ma ci sono ancora discriminazioni”. Così alla ‘Dire’ Ester Rada, attrice e cantante israeliana di origine etiope, nel corso di una performance nella scuola di musica Rimon dove si è formata da giovane. ”

Vengo da una famiglia molto religiosa” racconta l’artista. “Poi quando mi sono trasferita a Tel Aviv ho scoperto il mare e mi sono aperta al mondo“.


Rada ha suonato in tutta Europa e in America. Ha partecipato al Glastonbury festival e in Israele ha cantato anche con Alicia Keys. La sua musica è influenzata dal jazz, da Aretha Franklin a Nina Simone, e le sue sonorità recuperano le radici popolari etiopi. È una sorta di “ethiopian jazz” che affascina ed emoziona. La voce di Ester è potente: lei è anche un’artista impegnata a difesa della sua comunità.

“Tre mesi fa abbiamo fatto una grande manifestazione per protestare contro le brutalità della polizia nei confronti degli etiopi” sottolinea la cantante. “Per avere un mondo migliore lotteremo e poi alla fine ci ameremo, anche grazie alla musica”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»