Il governo della Nigeria negozia una tregua con Boko Haram

Dal 2013, le violenze di Boko Haram hanno causato secondo stime delle Nazioni Unite migliaia di vittime e costretto oltre 200mila persone a lasciare la Nigeria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il governo della Nigeria ha rivelato che sono in corso trattative con i leader del gruppo armato Boko Haram per stabilire “un cessate il fuoco permanente” e “la possibilità di un’amnistia per chi deporrà volontariamente le armi”. Ad annunciarlo il ministero dell’Informazione e i vertici dei servizi di intelligence nigeriani, a una settimana da un attacco nella città di Maiduguri, nel nord-est, che ha causato 20 morti e oltre 80 feriti.

Fonti di stampa concordanti evidenziano che l’obiettivo di Abuja potrebbe non essere così semplice da realizzare

I colloqui si starebbero tenendo solo con la fazione del gruppo armato guidata da Abu Musab al-Barnawi. Rimasta invece fuori quella di Abubakar Shekau, contrario a eventuali accordi con le istituzioni. Il prossimo anno in Nigeria si terranno le elezioni presidenziali. L’attuale capo di Stato Muhammadu Buhari ha fatto della sconfitta del gruppo jihadista il perno del suo programma politico, ma nonostante gli sforzi il nord-est del Paese appare tutt’altro che stabilizzato e la ribellione sedata.

Dal 2013, le violenze di Boko Haram hanno causato secondo stime delle Nazioni Unite migliaia di vittime e costretto oltre 200mila persone a lasciare la Nigeria

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»