Alla Città della Scienza di Napoli l’Open BioMedical international

Esordisce a Città della Scienza di Napoli, l’11 e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

biomedicalEsordisce a Città della Scienza di Napoli, l’11 e il 12 aprile, il primo workshop teorico e pratico di presentazione al livello internazionale di Open BioMedical Initiative, la prima community on line in Europa  di progettazione e realizzazione di dispositivi biomedicali  open source e low cost, nata ad aprile 2014 da un’idea di uno studente di Ingegneria di Ancona Bruno Lenzi, 26 anni. Cellule della community sono stati inizialmente 5 ragazzi italiani, età media 25 anni. Oggi, a distanza di un anno, sono quasi 100 in tutto il mondo.

La comunità 3.0 è composta principalmente da volontari accomunati da passione e competenza che condividono il sogno di cambiare il volto della Biomedica, all’insegna del significativo motto ‘We Help’. Obiettivo è realizzare progetti capaci di aiutare le persone in modo concreto ed innovativo grazie all’open source ed alla stampa 3D, al più basso costo possibile, rendendo i dispositivi biomediacali accessibili a chiunque indipendentemente dalla posizione geografica e dalla disponibilità economica. OBI agisce nell’ottica di una Biomedica non sostitutiva ma integrativa di quella tradizionale, che consideri l’attuale stato dell’arte delle Tecnologie BioMedicali commerciali affiancandosi ad esse e rendendole accessibili senza distinzioni.

Nel corso del workshop a Città della Scienza si lavorerà concretamente alla progettazione e realizzazione in 3D anche con la partecipazione speciale di Fabia Timaco, la ragazza che dopo aver incontrato la community di OBI ha deciso di affidarsi a loro per realizzare il suo sogno di avere finalmente una mano, il diario di bordo della sua grande sfida è pubblicato su chefuturo.it.

La scelta di Città della Scienza di ospitare e collaborare a questo lancio è sinergica rispetto alle iniziative su cui lo science center napoletano sarà impegnato nel prossimo futuro: l’apertura nel 2016 di Corporea, primo museo interattivo italiano interamente dedicato al  corpo umano, e il progetto FabLab, nuova officina/laboratorio di advanced design e fabbricazione digitale, di prossima apertura, in cui si svolgono attività di ricerca, sviluppo, alta formazione, educazione sulle tecnologie e metodologie ‘maker’. L’obiettivo generale è sperimentare un sistema evoluto di progettazione e produzione che possa essere utilizzato sia in ambito museale che in altri contesti – anche industriali – e che rappresenti nel contempo una piattaforma per lo sviluppo di competenze, nuove professionalità e imprese innovative nel settore della fabbricazione digitale.

L’Open BioMedical Initiative è inoltre una realtà sinergica anche con le aziende ad alto contenuto di innovazione tecnologica che sono ospitate nell’Incubatore di impresa di Città della Scienza, lo spazio dedicato alle startup,  – riconosciuto dal marchio comunitario EC-BIC, membro della rete BIC Italia Net e nodo della Rete Re – modello originale nel panorama italiano, che fornisce un’assistenza sul business developement alle giovani imprese.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»