hamburger menu

Bombe nella notte a Kiev, interrotta elettricità verso la centrale di Zaporizhzhia

Il presidente ucraino Zelensky ha detto che non intende dialogare con Vladimir Putin finché le truppe russe non lasceranno l'Ucraina

Pubblicato:09-03-2023 13:49
Ultimo aggiornamento:09-03-2023 16:28
Canale: Europa
Autore:
tank americani
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – L’Ucraina si è svegliata stamani con nuovi attacchi: missili russi hanno colpito diverse regioni, compresa la capitale Kiev, facendo registrare nuovi danni alle infrastrutture. Il bilancio momentaneo è di 8 vittime. Nella capitale i media internazionali riferiscono di blackout per il 15% della popolazione e stop ai riscaldamenti per il 40%, mentre due persone sono rimaste ferite, come conferma il sindaco Vitalii Klychko. A Zhytomyr i cittadini sono rimasti senza acqua, mentre l’erogazione della corrente elettrica è stata interrotta per la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Attacchi avrebbero riguardato anche Kharkiv e Odessa , e poi Vynnytsia e Rivne ad ovest del fiume Dnipro e Poltava nel centro del Paese.

Ieri sera, in una intervista preregistrata andata in onda sulla Cnn, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto che non intende dialogare con il suo omologo Vladimir Putin finché le truppe russe non lasceranno l’Ucraina: “Non sussistono i presupposti per parlare con il presidente russo perché non mantiene la parola”, ha aggiunto, chiarendo che “la Russia deve lasciare il nostro territorio. Dopo, saremo felici di usare gli strumenti diplomatici e siamo pronti a trovare qualsiasi formato con i nostri partner”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-03-09T16:28:25+01:00