hamburger menu

Ancora problemi per Djokovic: è in tabellone a Indian Wells ma non può entrare negli Usa

Il tennista serbo spera in un'esenzione del Centre of Disease Control americano, perché in quanto non vaccinato non potrebbe entrare nel territorio statunitense

Djokovic creative commons

ROMA – Novak Djokovic è regolarmente in tabellone a Indian Wells, il primo Masters 1000 della stagione, anche se in teoria non può entrare negli Stati Uniti perché non vaccinato contro il Covid. Ci risiamo, dunque: come in Australia, il serbo spera in un’esenzione dal Center for Disease Control (Cdc) americano che gli consentirebbe di giocare il torneo.

LEGGI ANCHE: Tennis, Djokovic: “Per non vaccinarmi salto anche Wimbledon e Parigi”

“Novak Djokovic è nell’entry list del torneo – hanno spiegato in una nota i responsabili di Indian Wells – e quindi è stato inserito nel sorteggio. Attualmente stiamo comunicando con il suo team; al momento, però, non è stato deciso se parteciperà all’evento ottenendo l’approvazione del Cdc per entrare nel Paese“. Per lui eventuale esordio contro il vincente tra Jordan Thompson e David Goffin, per poi incontrare Alexander Bublik al terzo turno, John Isner o Diego Schwartzman negli ottavi e possibilmente Andrey Rublev nei quarti.

LEGGI ANCHE: Djokovic agli Internazionali di Roma? Bassetti: “Faremmo figura ridicola”

Per quanto riguarda il resto del sorteggio, Daniil Medvedev, che scenderà in campo da numero uno del mondo per la prima volta in Master 1000, gareggerà senza bandiera e se non sarà eliminato prima troverà Rafa Nadal in un’eventuale semifinale. Prima potrebbe dover giocare con Carlos Alcaraz negli ottavi di finale. Nadal potrebbe incrociare Denis Shapovalov al quarto turno, e Jannik Sinner nei quarti di finale, se l’altoatesino dovesse battere Lorenzo Sonego al terzo turno e Casper Ruud agli ottavi. Nella parte bassa Matteo Berrettini esordisce contro il francese Ugo Humbert, per poi eventualmente trovarsi contro Felix Auger Aliassime negli ottavi e Alexander Zverev nei quarti.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-09T09:42:45+02:00