Casalino: “Nel Pd cancri da estirpare”, i dem insorgono

Andrea Romano chiede l'intervento della vigilanza Rai: "Offesi tutti i malati oncologici e una grande comunità politica come quella del Pd"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Alcune persone nel Partito democratico sono straordinarie, come Zingaretti e Franceschini. E poi ci sono alcuni ‘cancri’, non so come definirli, alcuni elementi devastanti che riescono a distruggere anche il bello del Pd. Bisognerebbe estirpare questi ‘cancri'”. Questa frase di Rocco Casalino, ospite a Oggi e’ un altro giorno su Rai 1, scatena la reazione indignata del Pd.

Anche la conduttrice Serena Burtone lo richiama in diretta: “Hai ragione, ho usato una parola sbagliata. Meglio dire ‘elementi negativi’“, si scusa Casalino a proposito del riferimento al cancro.

LEGGI ANCHE: Pd, Casalino: “Mi scuso per la frase, mi riferivo a persone distruttive”

Per Andrea Romano “non è in alcun modo tollerabile che qualcuno (Casalino o chiunque altro) definisca il Partito Democratico un corpo con ”cancri da estirpare”, offendendo tutti i malati oncologici e una grande comunità politica come quella del Pd, per di più su una rete del servizio pubblico”, dice il portavoce di Base riformista. Per Romano “l’amministratore Delegato Rai e il Direttore di Rai 1 ne dovranno rispondere al piu presto in commissione di Vigilanza. Ora basta”.

Anche Filippo Sensi, deputato ed ex portavoce del premier Matteo Renzi, interviene per criticare senza incertezze il collega: “Leggo che il portavoce – ex? – di un ex presidente del consiglio andrebbe in tv a dire che nel Pd ci sarebbero dei cancri da estirpare. Non so – dice Sensi- se alluda a persone o a cosa. Non ho mai commentato, per indole e garbo, il suo comportamento professionale quando era al governo. Ma che vada in giro, e alla Rai a giocare sulla malattia, sulla pelle degli altri e sulla dignità di una comunità politica, la mia, anche no. Non sarò io a fare interrogazioni, a chiedere dimissioni o prese di distanza, ma un minimo di rispetto sì“.

“Ciao Rocco Casalino, sono uno dei cancri da estirpare? Vorrei capire. Se vuoi ci vediamo e me lo dici di persona. Attendo con ansia il tuo coraggioso riscontro.”, dice la deputata Pd Giuditta Pini al portavoce dell’ex premier.

“Secondo il portavoce del presunto punto di riferimento di tutti i progressisti, nel Pd ci sono “cancri da estirpare”. Direi che possiamo considerare questa garbata esternazione la chiusura di una stagione piuttosto infelice. E magari cominciare a ricostruire senza subalternità”. Cosi’ Matteo Orfini, su twitter.

“Nel Pd non ci sono ‘cancri da estirpare’. Casalino si scusi e chiunque commenti le nostre vicende porti rispetto verso una comunità che ha problemi, difetti, ma anche la forza di mettersi in discussione democraticamente, cambiare e uscire da una crisi più forte di prima”. Così l’ex ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano su Twitter.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»