Emilia-Romagna pronta per accelerare la campagna vaccinale. Donini: “Ora si può”

raffaele donini assessore bologna
Con l'ampliamento delle categorie che possono usufruire del farmaco AstraZeneca e l'arrivo di nuove dosi, la Regione è pronta a rivedere il programma di immunizzazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – In Emilia-Romagna “siamo al lavoro per accelerare ed estendere la campagna vaccinale, contando sulle maggiori forniture in arrivo e l’impegno del Governo su questo fronte”. Lo garantisce ancora una volta il governatore Stefano Bonaccini, via social network, dopo aver fatto ieri sera il punto con i direttori generali delle Aziende sanitarie della regione. L’Emilia-Romagna, del resto, “sarebbe in grado di vaccinare molti più cittadini ogni giorno ed è pronta per il salto di qualità per la vaccinazione di massa”, ribadisce Bonaccini. Che poi aggiunge: “Usciamo da una settimana difficilissima, per l’Emilia-Romagna e, purtroppo sempre di più, per tutto il Paese. Abbiamo chiesto al Governo di assumere misure nazionali, ma intanto non abbiamo aspettato, le abbiamo prese qui. Ci aspettano alcune settimane complesse, ma il nostro impegno deve essere quello di passare rapidamente dalle restrizioni a tappeto alle vaccinazioni a tappeto“, afferma il presidente.

Sulla stessa questione è intervenuto anche l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, questa mattina in Assemblea legislativa in risposta all’interrogazione del consigliere Fdi Michele Barcaiuolo. “Eravamo partiti con un’indicazione a dicembre di 28 milioni di dosi che dovevano arrivare nel primo trimestre del 2021- sottolinea Donini- ne sono arrivate 11 milioni di dosi, è chiaro che le proiezioni ne hanno risentito e si sono via via aggiornate”. L’assessore si dice poi contento per le parole del ministro Roberto Speranza, perché “vuol dire che nel secondo trimestre arriveranno tanti vaccini. E se così sarà, saremo in grado di somministrarle”.

Donini ribadisce poi la soddisfazione per l’ampliamento delle categorie che possono essere sottoposte al vaccino AstraZeneca, perché così “scorreremo il nostro programma di attuazione del piano vaccinale, facendo riferimento alle categorie più a rischio”. La destra continua però a rimanere molto critica. Barcaiuolo parla infatti di “campagna vaccinale fallimentare. Serve una seria riflessione anche sulle categorie prioritarie: non si capisce perché gli amministrativi dell’università debbano venire prima ad esempio degli over 75. Così si rischia di aprire una guerra tra poveri, che può portare a una vera lacerazione sociale”, afferma il consigliere Fdi.

DONINI: “GLI OPERATORI DELLE STRUTTURE ASSISTENZIALI VANNO ANCORA SOLLECITATI”

Gli operatori delle strutture per anziani e disabili continuano a essere un cruccio per la Regione Emilia-Romagna, perché la percentuale di vaccinazione continua a essere bassa. A dirlo è l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, rispondendo oggi in Assemblea legislativa alla consigliera Stefania Bondavalli della lista Bonaccini. “Ad oggi- spiega Donini- risultano vaccinati circa 120.000 operatori sanitari e 11.372 operatori delle strutture assistenziali. La percentuale è altissima tra medici e infermieri, dobbiamo invece ancora sollecitare il personale socio-assistenziale”.

L’assessore sottolinea però come “nel corso del picco epidemico di questi giorni, la percentuale degli operatori ammalati è molto bassa e di gran lunga inferiore alle altre due ondate del marzo scorso e di novembre. Quindi vuol dire che il vaccino serve, prima di tutto a loro ma anche a difendere i degenti”. Per questo, assicura Donini, “la Regione continuerà a promuovere la vaccinazione di tutte le figure sanitarie e socio-sanitarie. È in programma un’iniziativa il prossimo 19 marzo insieme all’Irccs Sant’Orsola di Bologna e stiamo studiando anche azioni di sensibilizzazione rivolti a specifici target”. Dal canto suo, Bondavalli esorta la Regione ad “attivarsi subito per invertire questa inerzia che sarebbe inaccettabile. Il vaccino serve, proseguiamo su questa strada”.

LEGGI ANCHE: Merola: “A Bologna siamo a 900 contagi, dobbiamo ridurli subito”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»