Coronavirus, Conte: “Non c’è più tempo, tutta Italia è zona rossa”

Conte firma il decreto 'iorestoacasa': chiusura delle scuole prorogata al 3 aprile, si ferma anche il campionato.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Abbiamo adottato una nuova decisione che si basa su un presupposto. Tempo non ce n’e’. I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante dei contagi, delle persone ricoverate in terapia intensiva e subintensiva e ahime’ anche delle persone decedute. La nostre abitudini quindi vanno cambiate. Vanno cambiate ora. Ho deciso di adottare subito misure ancora piu’ stringenti, piu’ forti”. Lo ha detto il presidente del consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Follia supermercati, l’appello: “Non correte a fare la spesa, non ha senso e violate il decreto”

“Sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare come ‘io resto a casa’. Non ci sara’ piu’ una zona rossa nella pensisola. Ci sara’ l’Italia zona protetta”, aggiunge.

“Sono pienamente consapevole della gravita’ e della responsabilita’. Non possiamo permetterci di abbassare la guardia. E’ il momento della responsabilita’ e tutti l’abbiamo. Voi cittadini tutti con me. La decisione giusta oggi e’ di restare a casa. Il futuro nostro e’ nelle nostre mani”, aggiunge Conte.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Boccia: “Chiusi tutti gli impianti sciistici in tutta Italia”

Le nuove norme sono contenute in un “dpcm che va in gazzetta ufficiale stasera ed entrano in vigore domattina”.

Il premier specifica anche che è “sospeso il campionato di calcio. Non consentiremo neppure l’uso delle palestre. La sospensione delle attività didattiche per le scuole di ogni ordine e grado e per le università è prolungata fino al 3 aprile”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, 7985 positivi in Italia: più 1598 rispetto a ieri. Salgono a 463 i decessi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»