Commissari cancellano la terapia intensiva pediatrica a Cosenza

"Così riportiamo la Pediatria calabrese indietro di decenni" dichiara il garante regionale per l'Infanzia e l'Adolescenza della Calabria Antonio Marziale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “La struttura commissariale dell’Azienda ospedaliera di Cosenza con il nuovo atto aziendale, pubblicato ma in attesa di approvazione da parte del commissario ad acta e della giunta regionale, ha deciso scientemente di riportare la Pediatria calabrese indietro di decenni“. Così il garante regionale per l’Infanzia e l’Adolescenza della Calabria Antonio Marziale che denuncia come: “In spregio a tutta la legislazione sanitaria nazionale e regionale in favore dell’assistenza pediatrica e accampando inconsistenti motivi di razionalizzazione delle attività, i commissari dell’azienda ospedaliera cosentina hanno di fatto cancellato la Terapia intensiva pediatrica calabrese, relegandola a semplice appendice di quella dedicata agli adulti”. “In definitiva – conclude Marziale – non più posti letto, attrezzature e competenze professionali dedicate all’età pediatrica”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»