Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Stop alle visite nei penitenziari, detenuti in protesta nel carcere Ucciardone di Palermo

Alcuni detenuti sono saliti a cavalcioni sulle mura interne del vecchio carcere borbonico, che si trova nell'area del porto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Proteste dei detenuti al carcere Ucciardone di Palermo per lo stop alle visite dovuto all’emergenza coronavirus. La protesta si sviluppa con lo sbattere degli oggetti sulle sbarre.

La tensione è alta e alcuni detenuti sono saliti a cavalcioni sulle mura interne del vecchio carcere borbonico, che si trova nell’area del porto: la struttura è comunque circondata da polizia e carabinieri.

Ieri sera la protesta era partita anche all’interno del carcere Pagliarelli, struttura più nuova rispetto all’Ucciardone e che si trova lungo la circonvallazione della città. I detenuti hanno incendiato lenzuola e fogli di carta per protesta, mentre alcuni familiari hanno bloccato il traffico lungo viale Regione Siciliana che costeggia il carcere.

LEGGI ANCHE: Disordini al carcere di Foggia per le restrizioni anti Covid-19, interviene anche l’esercito

Modena, nella rivolta in carcere morti 6 detenuti

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»