Napoli, artisti ‘Terroni Uniti’ contro Salvini: Videoclip in anteprima

[video mp4="https://media.dire.it/2017/03/jesce-sole.mp4" poster="https://www.dire.it/wp-content/uploads/2017/03/MAI-CON-SALVINI.png"][/video] NAPOLI - Sarà online da domani il videoclip di Gente do Sud, la colonna sonora
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Sarà online da domani il videoclip di Gente do Sud, la colonna sonora del corteo contro il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, che si svolgerà sabato a Napoli.

Il brano è stato registrato dai “Terroni Uniti”, un gruppo di artisti napoletani e meridionali contrari alle politiche della Lega Nord, che oggi hanno diffuso alla stampa un’anteprima della canzone. Ad alternarsi alla voce Valerio Jovine, Ciccio Merolla, Simona Boo (99 Posse), O’Zulù (99 Posse), Djarah Akan, Valentina Stella, Andrea Tartaglia, O’Rom, Dario Sansone (Foja), Francesco Di Bella, Eugenio Bennato, M’Barka Ben Taleb, Roberto Colella (La Maschera), Franco Ricciardi, Gnut, Tommaso Primo e i rapper Peppe Oh, Speaker Cenzou, Oyoshe, Tueff e Dopeone oltre agli ospiti James Senese e Enzo Gragnaniello.

Le musiche di Gente Do’ Sud sono curate da Giuseppe Spinelli (chitarra), Joe Petrosino (mandolino), Massimo De Vita (sinth e flauto), Daniele Sepe (fiati), Massimo Jovine dei 99 Posse (basso), Alessandro Aspide (basso), Sacha Ricci dei 99 Posse (tastiere) e Marco Messina dei 99 Posse.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»