‘Verità per Giulio’. Esposto striscione su palazzo Regione a Udine

UDINE - "Abbiamo esposto stamani sulla facciata dell'entrata principale della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
regeni_amnestyUDINE – “Abbiamo esposto stamani sulla facciata dell’entrata principale della sede della Regione di Udine lo striscione che sta visibilmente a ricordare la tragica scomparsa di Giulio Regeni e l’impellente necessità che sia fatta completa chiarezza sulle responsabilità dei colpevoli di un crimine orrendo“. Lo rende noto la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ricordando che l’Amministrazione regionale ha condiviso l’iniziativa “Verità per Giulio Regeni” proposta dalla famiglia Regeni e da Amnesty International Italia per chiedere che si faccia chiarezza sulle cause della morte del giovane ricercatore friulano in Egitto.
La Regione ha aderito con profonda convinzione a questa campagna, che ha il sostegno di numerose altre istituzioni locali, italiane e anche internazionali, nella consapevolezza che sia nostro dovere continuare a vigilare, insistere, ricordare senza spazio alcuno per la rassegnazione“, aggiunge Serracchiani.
Dal 2 marzo anche la home page del sito web della Regione Friuli Venezia Giulia testimonia con un banner la vicinanza e il sostegno della comunità regionale accanto alla famiglia Regeni.
“Forse nessuna parola e nessun gesto sarà mai sufficiente per confortare e colmare il vuoto straziante che avvolge la famiglia del giovane ricercatore di Fiumicello, ma le istituzioni e la tutta la comunità possono fare molto affinchè che non cada la minima ombra di oblio sulla vicenda e si giunga in tempi brevi a fare luce, verità e giustizia. Ai familiari di Giulio spetta di venire a conoscenza al più presto dell’identità dei mandanti e degli esecutori di un crimine così efferato”, conclude Serracchiani.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»