Televisione. Corecom organizza convegno “Segnale Rai o segnale di fumo?”

TORINO - “La Tv che non vedi: segnale Rai
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

rai tv torriTORINO – “La Tv che non vedi: segnale Rai o segnali di fumo?” , questo il titolo del convegno organizzato dal Corecom Piemonte, che si tiene a Palazzo Lascaris in via Alfieri 15, venerdì 11 marzo 2016 alle ore 9.30. I lavori si aprono con i saluti del presidente del Consiglio regionale Mauro Laus e del sindaco di Torino Piero Fassino.
Intervengono Bruno Geraci, presidente Corecom Piemonte; Lido Riba, presidente Uncem Piemonte; Gianluca Forno, vicepresidente Anci Piemonte; Franco Siddi, componente Consiglio di amministrazione Rai; Modera Ezio Ercole, commissario Corecom Piemonte.
Spiega Geraci: “Tutto lo sforzo produttivo che c’è dietro il servizio pubblico dipende anche dal mantenimento in efficienza della rete di comunicazione esistente. È un grande patrimonio che chiediamo di conservare ed innovare, non solo alla RAI, ma anche alla Regione ed allo Stato, sapendo guardare al di là delle percentuali di popolazione coperta e rivolgendosi alle persone, ai luoghi ed alle storie, superando le difficoltà di ricezione del segnale televisivo pubblico, telefonico e della banda larga. E’ quello che ha voluto proporre il Corecom inviando un questionario a tutti i Sindaci del Piemonte per raccogliere dati e informazioni sulla qualità percepita del Segnale Rai regionale e che saranno presentati nel corso dell’iniziativa”.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»