Medici, rinviato lo sciopero previsto per il 17 e 18 marzo

È quanto si apprende da fonti sindacali dopo l'incontro a Palazzo Chigi con il Governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

medici

ROMA – Lo sciopero dei medici previsto per il 17 e 18 marzo è stato rinviato. È quanto si apprende da fonti sindacali dopo l’incontro a Palazzo Chigi con il Governo. “Quello di oggi con il governo è stato un incontro positivo. Il principio importante da cui partire è il riconoscimento comune dell’impegno a difesa della sanità pubblica, assicurando la sostenibilità del Servizio sanitario nazionale nelle sue caratteristiche anche attraverso un finanziamento che sia adeguato. Crediamo quindi sia importante che il governo abbia assunto l’impegno ad affrontare le questioni su tavoli di controllo specifici, questioni che possono sintetizzarsi in una riforma della formazione pre e post laurea; in un processo che garantisca la stabilizzazione del precariato in tempi certi, seppur graduali; in una definizione delle tipologie di contratto flessibili compatibili con l’attività sanitaria dentro la pubblica amministrazione, che metta fine all’abuso di contratti atipici; con una regolamentazione e contenimento dell’attività di esternalizzazione di interi pezzi dei servizi sanitari, oggi in voga in molte regioni di questo Paese”.

“C’è anche un impegno- hanno proseguito- a valorizzare il ruolo e il lavoro della professione medica, riconoscendone la leadership nei processi di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, oltre che di dare avvio ad un tavolo di rinnovo contrattuale definendone il finanziamento e l’autonomia della dirigenza medica e sanitaria. C’è inoltre un impegno, da parte del ministero della Funzione pubblica e del Mef, a valutare l’ambito applicativo del comma 236 della Legge stabilità, che congelava le risorse accessorie dei fondi contrattuali al 2015”.

I sindacati, dunque, ritengono l’esito dell’incontroaltamente positivo nel quadro delle compatibilità date e delle politiche governative- hanno aggiunto- così come l’impegno riconfermato dal sottosegretario De Vincenti di continuare a difendere la sanità pubblica e il sistema sanitario. C’è stato quindi il riconoscimento di ruolo e di valore della professione medica e un’apertura di un percorso che, in qualche modo, ci riconduca nei tavoli dove si decidono aspetti fondamentali di questa professione”. Hanno fatto sapere ancora i sindacati dei medici: “Ci pare che la gran parte dei punti che abbiamo presentato abbiano trovato spazio nella discussione. L’impegno programmato, ovviamente, andrà verificato nelle modalità applicative e nei tempi, ma per ora questo ha portato alla decisione di rinviare lo sciopero previsto per il 17 e 18 marzo di 60 giorni. Questo per andare a monitorare il punto di arrivo dei processi che oggi abbiamo innescato”. Insomma, adesso c’è solo “da aspettare e verificare l’attivazione e l’andamento del confronto. Noi andiamo però forti delle nostre proposte e delle nostre idee e ora ci auguriamo di trovare un’analoga disponibilità- hanno concluso- la stessa che abbiamo potuto misurare questa mattina”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»