Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lav: “Il lupo è tornato per restare, gli allevatori ne prendano atto”

Lupo
Massimo Vitturi, responsabile Lav animali selvatici, commenta l'avvistamento di un esemplare nell'area del Parco Colli Euganei, chiarendo che l'uccisione è totalmente inutile ai fini del contenimento delle predazioni, anzi, i lupi possono aiutare nella gestione dei cinghiali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – In Veneto, come del resto in gran parte d’Italia, “il lupo è tornato, ed è tornato per restare”. Lo spiega alla ‘Dire’ Massimo Vitturi, responsabile Lav animali selvatici, commentando l’avvistamento di un esemplare di lupo nell’area del Parco Colli Euganei. “La popolazione è sana e in crescita, e questo è chiaro nonostante l’incertezza dei dati”, prosegue Vitturi, che imputa il fenomeno “alle misure di tutela garantite fin dagli anni ’70, quando il lupo è arrivato ai margini dell’estinzione” ed al fatto che si tratta di “una specie molto evoluta, che riesce ad adattarsi al territorio e all’ambiente”. Per quanto riguarda la sua presenza nei Colli Euganei, “la dispersione è scritta nel suo codice genetico, i giovani escono dal loro branco per andare a creare altri branchi… Esplorano il territorio riappropriandosi dei luoghi dove vivevano fino al secolo scorso, nonostante ora siano molto più antropizzati”.

Nella scelta dei Colli, l’importante presenza di cinghiali potrebbe aver giocato un ruolo chiave, ipotizza Vitturi. In effetti, i cinghiali “sono un problema per l’uomo, ma per i lupi sono una risorsa. L’area è quindi da monitorare con interesse, perché la presenza del lupo darà sicuramente una mano all’uomo nella gestione dei cinghiali”. La speranza è in ogni caso che “non ci siano episodi di bracconaggio”, continua Vitturi chiarendo che a suo parere l’uccisione dei lupi, legale o meno, sarebbe comunque inutile ai fini del contenimento delle predazioni lamentate dagli allevatori. “Dov’è in corso, ad esempio Francia e Spagna, ha dato solo un effetto sociale di fare contento chi chiedeva l’abbattimento, ma le predazioni continuano. Del resto è ovvio, o li eliminiamo tutti…”.

Quello su cui bisogna puntare, invece, è la prevenzione, che si deve però basare da una presa di coscienza degli allevatori. Fino a pochi anni fa, infatti, “nessuno metteva in atto sistemi di prevenzione, ma l’arrivo del lupo costringe a cambiare le abitudini”. Cosa che non tutti sono disposti a fare, anche perché “il settore allevatoriale vive sostanzialmente grazie ai fondi europei della Pac, i costi sono maggiori rispetto ai ricavi” e in questo quadro “interviene il lupo, che sicuramente ha un impatto ma non è di certo il problema principale”, e costringe a mettere in campo azioni che vanno ad aumentare i costi. Se è infatti vero che “non c’è una ricetta per tutti” e la prevenzione va studiata caso per caso, a seconda del territorio, del tipo di animali allevati e della loro quantità, è anche vero che per convivere con il lupo “il pascolo deve essere assistito, e questo significa aumentare il personale, servono magari strutture protette dove chiudere gli animali la notte, recinzioni elettrificate e cani da pastore… Da una combinazione di questi sistemi viene fuori la soluzione migliore. Posto che le predazioni non saranno mai comunque azzerate, ma i capi persi sono già ora indennizzati”.

Serve quindi un cambio di passo, per accettare questi cambiamenti e adattarsi, conclude Vitturi. “Gli allevatori devono prendere atto che il lupo è tornato e resterà, la prossima generazione di allevatori sa già che deve convivere con i lupi, le vecchie generazioni devono capirlo e adattarsi”.

COLDIRETTI VENETO: A NOI PREOCCUPANO DI PIÙ I CINGHIALI

“Siamo in costante contatto con il Parco dei Colli Euganei e chiediamo alla Regione di garantire un attento monitoraggio che ci permetta di informare tempestivamente i nostri imprenditori sulle eventuali precauzioni da prendere. Il lupo non ha certo l’impatto disastroso dei cinghiali sull’ambiente dei Colli Euganei ma è necessaria un’attenta vigilanza per evitare che sia sempre l’agricoltura a pagare il prezzo di eventuali danni”. Questa la posizione di Coldiretti Veneto in merito all’avvistamento di un esemplare di lupo nell’area del Parco Colli Euganei. “Al momento si parla di un esemplare e non di un branco, ma in un’area densamente abitata e con centinaia di attività, soprattutto agricole”, continua Coldiretti sottolineando che oggi la preoccupazione maggiore deriva dalla presenza di cinghiali. “Loro sì che rappresentano un pericolo concreto, anche all’incolumità delle persone, e provocano continui danni alle nostre attività”.

LEGGI ANCHE: Avvistato a Pescara per la prima volta l’ibis sacro

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»