A San Valentino il 30% degli innamorati cancella il tatuaggio dell’ex

tatuaggio coppia
Il sondaggio americano del 'Tattoo Statistics Data Annual' spiega che sbarazzarsi di ogni traccia di un vecchio amore è un modo per festeggiare quello nuovo, soprattutto per le donne tra i 18 e i 40 anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I tatuaggi dedicati all’ex possono minare nuovi amori e portare a liti nella nuova coppia. Eliminare qualsiasi segno che possa ricondurre alla precedente storia d’amore porta ogni anno il 30% delle persone a cancellare il proprio tatuaggio, e di questi il 70% sono donne.

A confermarlo è il sondaggio americano del ‘Tattoo Statistics Data Annual’, che torna d’attualità per questo San Valentino: sbarazzarsi del tatuaggio è un modo per festeggiare il nuovo amore. “Soprattutto nel periodo imminente alla festa degli innamorati ricevo molte richieste di rimozione di tatuaggi da parte di persone di entrambi i sessi che hanno di recente concluso una storia d’amore”, dichiara Benedetta Salsi, dermatologo con studio a Reggio Emilia. “Il paziente che vuole eliminare il tatuaggio dell’ex molto spesso arriva presso il mio studio accompagnato dal nuovo partner, proprio per dimostrare la volontà di cancellare qualsiasi traccia della relazione precedente. Nella maggior parte dei casi sono donne dai 18 ai 40 anni e capita che richiedano di eliminare anche più tatuaggi”.

tatuaggio rimozione

Solitamente i tatuaggi che ricordano una storia d’amore conclusa fanno riferimento all’iniziale dell’ex o al suo nome completo, oppure una frase, una dedica o il disegno che richiama il nomignolo con cui veniva chiamato confidenzialmente il precedente partner. Rimuovere un tatuaggio con il laser richiede pazienza. Luca Lecciso, chirurgo plastico di Laser Clinic Milano, spiega infatti che “per rimuovere un tatuaggio occorrono diverse sedute, il numero varia a seconda delle dimensioni e del tipo di pigmento. Se vogliamo dare una stima, occorrono solitamente dalle 4 alle 10 sedute con intervalli di almeno 2 mesi l’una dall’altra. I tatuaggi monocromatici di colore nero o blu scuro sono più facili da rimuovere rispetto a quelli più colorati ed elaborati. Ribadisco che comunque il numero di trattamenti varia da persona a persona e spetta al medico decidere come procedere per rimuovere il tatuaggio. Per tatuaggi di piccole e medie dimensioni, la seduta può durare pochi minuti. Per tatuaggi multicolore di medie e grandi dimensioni potrebbero essere necessari 10-30 minuti. La versatilità dei laser a picosecondi che utilizziamo ci ha permesso di cancellare moltissimi tatuaggi, tra questi anche tanti nomi di ex”, conclude.

LEGGI ANCHE: San Valentino, ecco i corteggiamenti più straordinari del mondo animale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»