NEWS:

Covid, Bassetti contro Crisanti: “Di cure parli chi fa il medico”

Origine dello scontro il potenziale beneficio degli anticorpi monoclonali nella gestione del Covid

Pubblicato:09-02-2021 12:49
Ultimo aggiornamento:09-02-2021 12:56

crisanti_bassetti
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

GENOVA – “Chi nega il potenziale beneficio degli anticorpi monoclonali nella gestione del covid, dimostra la propria lontananza dalla pratica clinica e dalla gestione di questa terribile infezione. Di farmaci e di cure ne devono parlare quelli che fanno i medici, che fanno i clinici e hanno visto il lato peggiore del covid. Almeno su questo argomento, non tutti sono ‘virologi’ con uguali competenze”. È il duro attacco su Facebook di Matteo Bassetti, responsabile della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, ad Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di virologia dell’azienda ospedaliera di Padova. Bassetti, pur senza nominare direttamente Crisanti, si dice “inorridito di fronte alle affermazioni fatte da un collega che ha testualmente detto: ‘Penso sia uno spreco di soldi senza precedenti in presenza di un vaccino, spendere duemila-quattromila euro per un anticorpo monoclonale, senza nessun dato che dimostri che questi farmaci sono in grado di prevenire l’infezione grave”. L’infettivologo genovese, invece, rimarca che i dati che testimoniano come gli anticorpi monoclonali “se somministrati precocemente, prevengono l’evoluzione della malattia, i ricoveri ed anche la morte, ci sono eccome. Basta saper leggere gli articoli e confrontarsi con i clinici che li hanno usati negli Stati Uniti”.

LEGGI ANCHE: Il vaccino anticovid è sicuro? Ora litigano pure gli scienziati

Covid, Crisanti: “L’Rt calcolato in questo modo è una presa in giro”


Covid, Bassetti: “Mi vaccinerei oggi, il Governo si dissoci da Crisanti”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy