Oggi gli Oscar 2020. Nomination, pronostici e dove vedere la cerimonia

Tra i favoriti 'Joker', '1917' e 'C'era una volta a Hollywood'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  E’ finalmente arrivata la notte più attesa del mondo del cinema. Questa sera nel Dolby Theatre di Los Angeles verrà celebrata la 92esima edizione degli Oscar. In Italia sarà possibile assistere alla cerimonia, con tanto di red carpet e interviste ai protagonisti, su Sky Cinema Oscar (canale 304) a partire dalle 22:50, oppure su Sky Uno (canale 108) dalle 00:30. La consegna delle satuette dorate sarà visibile anche in chiaro dalle 23.50 su TV8.

Chi condurrà la kermesse?

Anche quest’anno non ci sarà un conduttore unico, ma sul palco si alterneranno star di Hollywood che premieranno i loro colleghi che si sono distinti in questo ultimo anno cinematografico. Se nell’edizione 2019 la notte degli Oscar è stata aperta dai Queen protagonisti della pellicola ‘Bohemian Rhapsody’ (per la quale Rami Malek si è aggiudicato il premio di miglior attore protagonista nel 2019) quest’anno a fare gli onori di casa saranno Elton John (la cui storia è stata raccontata nel biopic ‘Rocketman’, uscito nel 2019 nelle sale) e Idina Menzel, la voce originale di Elsa di Frozen.

A consegnare i premi, invece, i vincitori del 2019 Olivia Colman, Rami Malek, Mahershala Ali e Regina King, a cui si aggiungeranno star del calibro di Diane Keaton, Spike Lee, Sigourney Weaver, Penelope Cruz, Natalie Portman Timothee Chalamet, Tom Hanks, Salma Hayek, Keanu Reeves, Chris Rock e tanti altri.

I PRONOSTICI

Il 2019 è stato un anno di grande cinema, che ha regalato pellicole di alto livello. Per questo la sfida per i nominati all’Oscar 2020 si preannuncia ardua. La cerimonia più importante del mondo del cinema ha già dei ‘vincitori annunciati’, tra questi ci sono Joaquin Phoenix, protagonista del film evento dell’anno ‘Joker‘, già Leone d’Oro a Venezia. L’attore è dato per superfavorito nella categoria miglior attore protagonista. Per il suo equivalente femminile quasi certamente a primeggiare sarà Renée Zellweger, splendida interprete di ‘Judy’ nel biopic di Judy Garland, che racconta la nascita e il declino dell’artista.

LEGGI ANCHE

RECENSIONE | Renée Zellweger da Oscar nei panni di Judy Garland

E’ data anche quasi per certa la vittoria di Brad Pitt come miglior attore non protagonista in ‘C’era una volta a Hollywood’ di Quentin Tarantino, nonostante nella cinquina dei nominati figurino due mostri sacri come Al Pacino e Joe Pesci entrambi per il film ‘The Irishman’ di Martin Scorsese.

LEGGI ANCHE

RECENSIONE NO SPOILER | Disponibile su Netflix ‘The Irishman’, il testamento del ‘gangster movie scorsesiano’

 

Per la miglior attrice protagonista la favorita è Laura Dern per ‘Marriage Story’ , film nel quale recita al fianco di Scarlett Johansson, candidata nella categoria miglior attrice, ma anche in corsa contro Dern per la sua interpretazione in ‘Jojo Rabbit’.

‘Jojo Rabbit’ che potrebbe rivelarsi una delle sorprese di questi Oscar. Il film di Taika Waititi, satira del nazismo raccontata attraverso gli occhi di un 12enne estremista, ha conquistato pubblico e critica ed è in corsa in 6 categorie. ‘Favola surreale’ contro gli stereotipi, il film racconta la storia di un bambino nazista che ha come amico immaginario Hitler (interpretato dallo stesso Waititi). Il film potrebbe aggiudicarsi il riconoscimento per la migliore sceneggiatura non originale, tratta da ‘Il libro di Christine Leunens’ di Caging Skies. A insidiare ‘Jojo Rabbit’ in questa categoria ‘The Irishman’, testamento del gangster movie firmato Scorsese.

La statuetta del miglior film straniero quasi certamente andrà a ‘Parasite’, nonostante tra i nominati figuri anche l’ottimo ‘Dolor y Gloria’ di Pedro Almodovar. ‘Parasite’, già Palma d’oro a Cannes, che ha entusiasmato pubblico e critica e all’interno del quale è inserita una canzone di Gianni Morandi.

LEGGI ANCHE

Oscar 2020, Morandi tifa per ‘Parasite’: “Nel film la mia ‘In ginocchio da te’”

RECENSIONE NO SPOILER | Al cinema il nuovo film di Pedro Almodovar, “Dolor y Gloria”: la linea sottile tra vita e arte

Il premio per la miglior regia, è quasi certo, andrà Sam Mendes per il suo ‘1917’ storia di guerra in stile ‘Salvate il soldato Ryan’, candidato in 10 categorie, che probabilmente si aggiudicherà anche la statuetta dorata per la miglior fotografia.

Arduo invece fare un pronostico sul miglior film: a contendersi il premio più ambito sono ben 9 pellicole. La sfida vera però sarà tra ‘Joker’, ‘1917’, ‘The Irishman’, ‘C’era una volta a Hollywood’ e
‘Parasite’. Nell’anno del villain firmato Todd Phillips, noi tifiamo per ‘Joker’, che quasi certamente porterà a casa anche l’Oscar per la colonna sonora originale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»