Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Facebook Community Help e versione Lite. Il nuovo volto del social

Solidarietà e funzionalità, il network non è solo divertimento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Facebook Community HelpROMA – Facebook Community Help entra a regime dopo l’annuncio dello scorso novembre. Un nuovo strumento per sentirsi meno soli in caso di bisogno e contare sulla solidarietà degli utenti.

Facebook Community Help, la nuova funzione

La nuova funzione, Community Help, si inserisce in quella più vasta di Safety Check. La sezione, cioè, che permette di dare proprie notizie sul social network in caso di calamità naturali o attentati terroristici. Anche Community Help, al momento, si attiverà solo in queste terribili occasioni. Si potrà chiedere e dare aiuto concreto e non solo comunicare il proprio “stare bene”. La nuova applicazione al momento partirà solo in Canada, Usa, Australia, Nuova Zelanda, India e Arabia Saudita per essere poi esteso ovunque.

Facebook diventa “Lite”

Arriva su Android anche la versione “slim” dell’app per mobile del social network. Pensata per i Paesi in via di sviluppo, Facebook ha deciso di trasferire l’edizione leggera della propria app su tutti i dispositivi Android. In questo modo si potranno collegare al social network anche i possessori di vecchi smartphone e chi dispone di una linea solo 2G.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»