A Hera il premio “Company to watch” sull’acqua, “Lo meritiamo”/FOTO e VIDEO

A premiare la multiutility sono gli analisti di Cerved, specializzati nel passare al setaccio i principali settori dell'economia italiana in cerca di 'campioni'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Investimenti crescenti. Attenzione all’innovazione. Presenza capillare sul territorio. Miglioramento nel rapporto con la clientela. Sono queste le motivazioni con le quali Hera si è aggiudicata ancora una volta il “Company to watch“, il premio assegnato dagli analisti di Cerved, specializzati nel passare al setaccio i principali settori dell’economia italiana in cerca di ‘campioni’. Cerved, nel caso specifico, ha premiato la multiservizi per la gestione e l’organizzazione del servizio idrico. In particolare, come spiega Claudia Castellini, global account di Cerved, il provider ha riconosciuto come punti di forza di Hera “la struttura del gruppo diversificata e attiva in diversi settori dei servizi pubblici, anche attraverso acquisizioni per vie esterne, il costante miglioramento del rapporto con la clientela, anche attraverso il sito web e lo sviluppo di applicazioni per smartphone”. Infine, lo società si distingue per una “copertura territoriale capillare, sia nelle reti sia nei servizi di assistenza e manutenzione”. Non è la prima volta che Hera è tra i premiati di Cerved. Lo scorso anno era toccato ad Herambiente ed Hera Spa.

“Il premio sul servizio idrico integrato valorizza tutte le attività che facciamo in termini di innovazione ed eccellenza– commenta Franco Fogacci, direttore della business unit Acqua della multiutility, ritirando il premio- sono i due mantra che stiamo cercando di sviluppare costantemente. L’obiettivo è dare il miglior servizio possibile al miglior prezzo possibile. Per adesso ci siamo riusciti”. Del resto, sottolinea Fogacci, Cerved premia Hera perchè evidentemente convinta che Hera sia una società da guardare nella gestione del servizio idrico. “Non abbiamo mai lesinato investimenti, siamo uno delle poche regioni con affaccio sul mare senza infrazioni comunitarie. Stiamo cercando di dare qualche servizio in più ai nostri clienti, come l”Acquologo‘. Ritieniamo di esserci meritati questo premio”.

di Vania Vorcelli, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»