Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Figliuolo: “Quasi 23 milioni di booster, tra i primi in Europa. In arrivo altre 40mila pillole anticovid”

Imagoeconomica_Francesco Paolo Figliuolo
Il commissario straordinario per l'emergenza Covid fa il punto sul piano vaccinale e sulle varianti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In questo momento su una platea già vaccinata di 46 milioni e 600 mila circa, abbiamo fatto quasi 23 milioni di booster. Siamo quasi al 50 per cento e al 38% sulla popolazione” nel suo complesso. “Questo ci pone ai primi posti in Europa”. Lo dice il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid, a ‘Mezz’ora in più’. La settimana prossima sono in arrivo circa 40 mila pillole anti virali di Molnupiravir. “39 mila che si sommano ai 12 mila” che già abbiamo, “e andranno ai pazienti che hanno le maggiori probabilità di un esito grave della malattia”, aggiunge.

FIGLIUOLO: “LA BARRIERA DEI VACCINI HA FUNZIONATO”

“Se facciamo un confronto dei dati di questi giorni con quelli dell’anno scorso con meno contagi avevamo più ospedalizzazioni e terapie intensive”. Oggi non è cosi’, “la barriera dei vaccini ha funzionato e se anche viene bucata da Omicron questo non accade per gli effetti gravi della malattia. Nei 120 giorni la barriera tiene molto”. 

FIGLIUOLO: “ENTRO FINE MESE FAREMO DA 11 A 13 MLN DOSI

 “La settimana scorsa abbiamo raggiunto 3 milioni di somministrazioni, il target dato alle regioni per la prossima settimana e di 580 mila dosi al giorno e dalla settimana dopo a 600 mila. Mancano 20 giorni alla fine del mese e possiamo assumere che faremo dagli 11 ai 13 milioni di somministrazioni. Almeno 450 mila di booster. Sono confidente che la macchina reggera’ i 600 mila al giorno”.

FIGLIUOLO: “LE SCUOLE SONO DEI LUOGHI SICURI

“Le scuole sono dei luoghi sicuri con il distanziamento e le mascherine”.

FIGLIUOLO: “PIANO DI TRANSIZIONE PER RITORNO A NORMALITÀ GIÀ PRONTO

La situazione di “emergenza è legata a uno stato eccezionale di necessità e quindi bisognerà vedere come evolve la questione. Io su indicazione del presidente Draghi ho già preparato un piano di transizione e lo aggiorno costantemente, in modo da passare le competenze e le attività in regime di normalità. Figliuolo dovrà spegnere i riflettori e fare il militare”. Quando? “Ce lo diranno le varianti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»