Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Neonato in pericolo vita trasportato dall’Aeronautica Militare da Cagliari a Roma

neonato_traportato_aeronautica
Il neonato è stato trasferito in ambulanza presso l'Ospedale pediatrico Bambino Gesù
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Si è concluso nella tarda notte di ieri, 8 gennaio, il soccorso aereo effettuato con il velivolo Falcon 50 dell’Aeronautica Militare per il trasporto urgente da Cagliari a Roma di un neonato di soli venti giorni in imminente pericolo di vita. Il volo salva-vita, richiesto dalla Prefettura di Cagliari, è stato immediatamente disposto e coordinato dalla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti anche quello di attivare e gestire i trasporti sanitari urgenti, attraverso i velivoli che la Forza Armata tiene pronti, 24 ore su 24, per questo genere di necessità.

Il Falcon 50, decollato dall’Aeroporto militare di Ciampino, è atterrato a Cagliari dove è stato immediatamente effettuato l’imbarco del piccolo paziente all’interno di una apposita culla termica, di un’ équipe medica e di due familiari. Il velivolo è ripartito poi alla volta di Ciampino, dove è atterrato intorno alle 23. Dallo scalo romano, il neonato è stato trasferito in ambulanza presso l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»