Covid, Bonaccini: “Subito ristori adeguati per le regioni arancioni”

È "quanto ho chiesto oggi al presidente Conte e ai ministri competenti in una lettera che ho firmato insieme ai colleghi presidenti delle Regioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Il Governo definisca immediatamente ristori economici adeguati a sostegno di imprese e lavoratori dei nostri territori, che subiranno ulteriori chiusure o restrizioni”. E’ “quanto ho chiesto oggi al presidente Conte e ai ministri competenti in una lettera che ho firmato insieme ai colleghi presidenti delle Regioni che, come l’Emilia-Romagna, sono state inserite in zona arancione dall’ordinanza di ieri del ministro della Salute, Speranza: Veneto, Lombardia, Calabria e Sicilia”. Così su Facebook il presidente dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.

LEGGI ANCHE: Covid, diventano arancioni Calabria, Emilia-Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto

“Una decisione- prosegue- basata sull’andamento del contagio e le valutazioni delle autorità scientifiche. Non è certo adesso il momento di abbassare la guardia nell’azione di contrasto del contagio, che tutti, anzi, vogliamo rafforzare, ma insieme abbiamo sottolineato come vada scongiurato il rischio, assai concreto, che le pur necessarie restrizioni hanno su imprenditori e operatori impegnati in attività produttive, commerciali, ricettive, turistiche, gastronomiche, sportive e culturali. Operatori già provati dai lunghi mesi che abbiamo alle spalle”, ricorda il governatore.

“Come Regione Emilia-Romagna- rivendica Bonaccini- non stiamo certo con le mani in mano e in queste settimane verranno erogati, a fondo perduto, oltre 40 milioni di euro aggiuntivi, per i settori interessati da limitazioni e chiusure: ristoranti e bar, taxi e ncc, cinema e altri settori culturali, palestre e piscine, maestri di sci, guide turistiche, spettacoli viaggianti”.

Il “nostro pilastro della ripartenza rimane il nuovo Patto per il Lavoro e per il Clima che abbiamo appena sottoscritto con tutte le parti sociali e gli Enti Locali, e che prevede trenta miliardi di euro di investimenti nei prossimi anni, perché potremo ripartire e recuperare solo con una nuova crescita sostenibile e con il sostegno ad imprese e lavoratori per creare nuovi posti di lavoro”. Ma “in questo momento- avverte infine- serve anche uno sforzo per chi più in difficoltà perché, a differenza di altri comparti e settori produttivi, hanno subito e stanno subendo maggiori restrizioni”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»