Twitter ‘chiude’ Trump: “Rischio di istigazioni alla violenza”

La decisione sarebbe stata assunta dopo "un'attenta verifica dei tweet recenti" pubblicati sul profilo personale del presidente uscente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’account Twitter di Donald Trump è stato sospeso in modo definitivo dal social network con la motivazione del “rischio di nuove istigazioni alla violenza”. La decisione sarebbe stata assunta dopo “un’attenta verifica dei tweet recenti” pubblicati sul profilo personale del presidente uscente. Giovedì l’ex first lady Michelle Obama aveva chiesto alle società tecnologiche della Silicon Valley di contrastare quelli che aveva definito i “comportamenti mostruosi” di Trump.

In settimana prime restrizioni all’attività social del presidente uscente erano state poste da Twitter, Facebook e Instagram dopo l’assalto dei sostenitori del presidente uscente al Congresso a Washington. Dopo la sospensione del suo account, Trump ha fatto sapere di stare valutando la “possibilità di creare in futuro una propria piattaforma”, alternativa a Twitter.

A muoversi contro il presidente uscente è stata ieri anche la speaker della Camera dei rappresentanti, Nancy Pelosi. La dirigente democratica ha annunciato un’iniziativa per un impeachment di Trump da avviare prima dell’insediamento di Joe Biden, previsto il 20 gennaio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»