Allarme stickers ‘modificati’, indagati a Bari sette minori

Adolescenti e preadolescenti ne stanno facendo un uso improprio esponendosi a responsabilità penali relative alla diffusione e divulgazione di materiale pedopornografico
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – Anche gli stickers possono diventare una forma di reato. A finire indagati per l’uso distorto delle cosiddette faccine sono sette ragazzini minorenni di Bari finiti nelle mani degli inquirenti per “diffusione e detenzione di materiale di un erotismo osceno che utilizza come soggetti bambini e adolescenti“.

Il fenomeno è del tutto nuovo ed è stato ricostruito dagli agenti della Polizia postale del capoluogo pugliese. I nativi digitali li usano già da tempo per chattare sui principali social network.

WhatsApp ha offerto agli utenti la possibilità di usare emoij e pacchetti di stickers “personalizzati”, messi a disposizione dall’applicazione stessa, ricavandoli da fotografie reali tramite diverse app gratuite che ne consentono la modifica.

Una “novità” che ha messo in allerta la Polizia Postale che si è subito resa conto di come queste “immagini” potevano essere pericolose.

Gli stickers “modificati” sono diventati un’arma in mano soprattutto agli adolescenti e preadolescenti che ne stanno facendo un uso improprio esponendosi a responsabilità penali relative alla diffusione e divulgazione di materiale pedopornografico.

Si tratta di un fenomeno in aumento esponenziale ma al momento non corrisponde una vera e propria presa di posizione attraverso la denuncia. Chi decide di chiedere aiuto ne parla soprattutto con gli amici mentre la maggior parte si chiude in se stesso e cerca di mettersi al riparo chiudendo l’app o la pagina web.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»