Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Lazio compie 120 anni, notte di festa a Roma

Alla festa hanno preso parte, oltre a giocatori e dirigenti della Lazio, anche diverse autorità, tra cui il sindaco di Roma Virginia Raggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Notte di festa a Roma per i 120 anni della Lazio. Il traguardo raggiunto dal club capitolino è stato celebrato ieri sera con una grande festa a Castel Sant’Angelo, organizzata dal patron Claudio Lotito, e con il classico appuntamento notturno in piazza della Libertà, dove migliaia di tifosi hanno atteso l’arrivo del 9 gennaio tra cori, bandiere e fumogeni. A Castel Sant’Angelo, la squadra è stata accolta dai giochi di luce che hanno animato l’ingresso e l’area intorno il monumento. Alla festa hanno preso parte, oltre a giocatori e dirigenti della Lazio, anche diverse autorità, tra cui il sindaco di Roma Virginia Raggi.

Le celebrazioni proseguono anche oggi: nel Salone d’Onore del Coni saranno premiati gli “Atleti della storia” della Polisportiva Lazio. A Lotito, al ds Igli Tare e al centrocampista Marco Parolo sarà consegnato il premio ‘Bigiarelli 2020’, dedicato al padre fondatore del club. Alla cerimonia prenderanno parte anche diversi calciatori dei due scudetti del 1974 e del 2000. A Montecitorio, alle 14.30, sarà presentato il Lazio Club Parlamento. Per l’occasione Poste italiane oggi ha emesso anche un francobollo celebrativo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»