Iran, il 72% degli italiani teme scoppio nuova guerra

I dati di un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad Agorà: per il 57% degli intervistati Trump ha sbagliato
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Dopo l’uccisione del generale Soleimani e i missili lanciati dall’Iran contro le basi americane in Iraq, gli italiani temono lo scoppio di una nuova guerra. O almeno lo teme la stragrande maggioranza. È quanto emerge da un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad Agorà, il programma condotto da Serena Bortone su Raitre. Alla domanda “Aumentano le tensione in Medio Oriente. Teme lo scoppio di una nuova guerra?” ha infatti risposto “sì” il 72% degli intervistati, “no” il 15%. Il 13% preferisce non rispondere.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Iran, Fratoianni: “E’ ora di ritirare i soldati italiani dall’Iraq”

MONDO MENO SICURO PER IL 76%

Il 76% degli intervistati crede che il mondo sia meno sicuro, il 5% degli intervistati pensa che sia più sicuro. Il 19% preferisce non rispondere.

 

PER IL 57% TRUMP HA SBAGLIATO

Agli intervistati è stato chiesto anche se il presidente degli Stati Uniti Donald Trump abbia sbagliato a ordinare il raid in in Iran in cui è stato ucciso il generale Soleimani. Ha risposto “no” il 57% degli intervistati, “sì” il 19%. Il 24% preferisce non rispondere.

 

CHI MINACCIA LA PACE? PER IL 42% TRUMP, PER IL 38% KHAMENEI

“Secondo lei quali tra questi leader mondiali minaccia di più la pace internazionale?”. A questa domanda, il 42% degli intervistati ha risposto “Trump” (presidente degli Stati Uniti), il 38% ha risposto “Ali Khamenei” (guida Suprema dell’Iran), il 29% ha risposto “Erdogan” (presidente della Turchia), il 12% “Putin” (presidente della Federazione Russa), il 9% ha risposto “Xi Jinping” (presidente della Repubblica popolare cinese). Il 17% preferisce non rispondere.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»