Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Elezioni, Lorenzin presenta il simbolo: “E’ un fiore petaloso”

ROMA - "Civica popolare" e sotto il nome Lorenzin. Ecco il nuovo simbolo del partito del ministro Beatrice Lorenzin, presentato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Civica popolare” e sotto il nome Lorenzin. Ecco il nuovo simbolo del partito del ministro Beatrice Lorenzin, presentato al tempio di Adriano.

Il colore predominante è il rosa acceso, un cerchio che comprende i simboli dei partiti fondatori: Italia dei valori, Centristi per l’Europa, Democrazia solidale, L’Italia è popolare, Alternativa popolare. In alto un fiore, “che non è una margherita”, precisa Lorenzin dopo le polemiche con Francesco Rutelli.

È piuttosto un “fiore petaloso– spiega la ministra- frutto dell’immaginazione di un bambino e disegnato dalla sua mamma, mia amica”.

Escludendo la margherita, prosegue Lorenzin, il fiore è piuttosto “una peonia o un girasole. Per me è una peonia”.

I petali sono gialli: “C’è il sole, il senso della rinascita. Abbiamo tre parole chiave: crescita, speranza e futuro“. Con questo simbolo i centristi andranno al voto il 4 marzo: “Questa non è una lista elettorale, è  una forza politica che ha l’ambizione di crescere nei prossimi anni”.

In prima fila ci sono Casini, Galletti, D’Alia, Cicchitto, Pizzolante, Bianconi, Chiavaroli, Dellai, Messina.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»