Il 9 gennaio secondo appuntamento con “Romanzo famigliare”, anticipazioni

ROMA – Buon esordio per la serie tv Rai, diretta da Francesca Archibugi, “Romanzo famigliare”. I primi due episodi andati in onda su Rai 1 l’8 gennaio hanno conquistato 5.637.000 spettatori pari al 22.2% di share. Al centro della serie le vicende di una ricca famiglia di origine ebraica di Livorno, i Liegi.  Ad interpretare i  personaggi di questo romanzo, fatto di corsi e ricorsi storici Vittoria Puccini, Giancarlo Giannini, Guido Caprino, Anna Galiena, Fotinì Peluso, Marco Messeri, Anita Kravos. Il secondo appuntamento è fissato per il 9 gennaio alle 21.30 su Rai 1.

Anticipazioni puntata del 9 gennaio

Micol (Fotinì Peluso) è disperata dopo aver scoperto che il padre di suo figlio, Federico (Federico Di Raimondo) si è fidanzato con un’altra ragazza e non sa come affrontare la sua gravidanza. Nel frattempo sua madre Emma  (Vittoria Puccini) continua a frequentare il suo primo amore Giorgio (Andrea Bosca) nonostante la gelosia del marito Agostino (Guido Caprino). Durante un’ecografia Micol scopre che il figlio che ha in grembo è affetto da una grave malformazione e che quindi si potrebbe ricorrere a un’interruzione terapeutica della gravidanza. Emma però sospetta che tutto ciò sia frutto di un piano escogitato da suo padre Gian Pietro (Giancarlo Giannini) insieme al ginecologo per impedire a Micol di diventare madre. Il sospetto si trasforma in certezza e la ragazza gioisce della possibilità di portare a termine la gravidanza.

Leggi anche “Romanzo famigliare”, l’8 gennaio parte la nuova fiction di Rai 1

Nel frattempo Emma accetta la richiesta del padre di diventare Presidente della Fondazione Liegi, non sospettando dei motivi che hanno spinto Gian Pietro a farle questa proposta. Tutto sembra quindi volgere apparentemente per il meglio quando una lettera anonima giunge a turbare la precaria serenità della famiglia Liegi: la missiva insinua infatti il dubbio che il padre di Micol non sia realmente Agostino.

La notizia si diffonde velocemente, tanto che anche Micol ne viene presto a conoscenza. I suoi genitori sono però troppo presi dalle loro vicende personali per starle vicino, perciò la ragazza cerca conforto nell’amicizia con il compagno di classe Ivan (Renato Raimondi), un giovane dal background problematico. Emma nel frattempo è sempre più assorta nelle attività della Fondazione che sotto la sua guida risorge. Insieme alla Regione si impegna nell’aiutare ragazzi in difficoltà come Ivan, spinti da giovanissimi allo spaccio di sostanze stupefacenti dalle proprie famiglie. Il giovane però finisce nuovamente nei guai e questa volta coinvolge anche Micol che viene arrestata insieme a lui.

9 Gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»