Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Scintille in tribuna tra Ghali e Salvini durante il derby Milan-Inter

ghali facebook
Un video pubblicato su Twitter mostra il rapper che urla in maniera concitata verso l'ex ministro, che replica con un gesto irridente di esultanz
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Derby della Madonnina ad alta tensione, e non solo in campo. Nel corso della sfida tra Milan e Inter di ieri sera, finita 1-1, i tifosi presenti a San Siro hanno notato agitazione in tribuna Vip. Un video pubblicato su Twitter dalla pagina ‘Welcome to favelas’ riprende il rapper Ghali che, in maniera molto concitata, urla alcune frasi all’indirizzo di Matteo Salvini, anch’egli presente al Meazza.

Il frastuono del tifo impedisce di carpire le parole – poco carine, è lecito supporre – indirizzate dal cantante al leader della Lega. Di certo, si può escludere che a scatenare la rabbia di Ghali siano state questioni calcistiche: sia il cantante milanese di origini tunisine che l’ex ministro dell’Interno sono grandi tifosi del Milan. E Salvini si è presentato allo stadio proprio con addosso la maglia rossonera. Dal video si può notare che uno spettatore cerca di trattenere l’incontenibile Ghali. Per tutta risposta, senza alzarsi dalla sua poltroncina, Salvini indirizza verso il rapper un gesto irridente di esultanza. Poi, grazie all’intervento degli steward, sugli spalti torna la calma. Secondo la ricostruzione dell’evento fatta da Dagospia, il cantante avrebbe insultato il leader della Lega in seguito all’esultanza di quest’ultimo dopo il goal del pareggio del Milan avvenuto per merito di un calciatore di colore.

FONTI LEGA: “DA GHALI INSULTI E ACCUSE FARNETICANTI SUI MIGRANTI”

“Matteo Salvini è stato aggredito verbalmente da Ghali durante il primo tempo di Milan-Inter di ieri sera”. Lo rendono noto fonti della Lega, che ricostruiscono così l’accaduto: “Il leader della Lega era in tribuna con il figlio, e subito dopo il gol del pareggio gli si è avvicinato il rapper in evidente stato di agitazione. Ghali ha urlato una serie di insulti e di accuse farneticanti a proposito dell’immigrazione, cercando di filmarsi col cellulare, ed è stato subito allontanato, tra lo sconcerto degli altri spettatori. La società rossonera si è scusata con Salvini, che sul momento non aveva riconosciuto Ghali né aveva compreso i motivi della sua alterazione”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»