Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cartabellotta (Gimbe): “Non è quarta ondata, ma gli over 50 non vaccinati sono una criticità”

mascherina
Il presidente della Fondazione Gimbe: "C'è un incermento importante di nuovi casi ma un modesto impatto sugli ospedali. Sulla terza dose bisogna accelerare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Più che di quarta ondata parlerei di risalita dei casi Covid, con modesto impatto in ambito ospedaliero. Sul fatto che ci sia un incremento importante dei casi non ci sono dubbi, sta avvenendo in tutta Europa. In Italia l’impatto dell’aumento dei casi sugli ospedali è quantitativamente inferiore rispetto al periodo in cui non c’erano i vaccini ed è anche meno grave perché l’incremento maggiore è stato nei ricoveri in area medica, non in terapia intensiva. Attenzione però a mantenere tutte le precauzioni, come l’utilizzo della mascherina, per evitare un’ulteriore incremento della circolazione del virus”. Così Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, intervenuto alla trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

“OLTRE SETTE MILIONI NON SONO ANCORA VACCINATI”

Cartabellotta ha anche fatto il punto sull’andamento della campagna vaccinale: “In questo momento abbiamo due criticità fondamentali. La prima è legata al fatto che, ad oggi tra la popolazione vaccinabile, le persone che non hanno fatto il vaccino sono oltre 7 milioni di cui circa 2,7 milioni sono over 50. Ho l’impressione che tra esenzioni e zoccolo duro, non si riuscirà ad andare oltre i 15-20mila nuovi vaccinati al giorno. Questa rimane una criticità in vista dell’inverno”.

“TERZA DOSE? SERVE ALLINEARSI SULLA CHIAMATA ATTIVA”

Il secondo aspetto su cui bisogna lavorare per evitare problemi con l’arrivo del freddo, secondo il presidente della Fondazione Gimbe, è la campagna per il richiamo. “La seconda criticità è legata alle terze dosi. Noi abbiamo una terza dose che di fatto è dedicata alle persone immunocompromesse, che sono una platea fissa – ha spiegato Cartabellotta -. Umbria e Toscana hanno utilizzato il meccanismo di chiamata attiva e sono ad una copertura molto ampia, altre invece hanno utilizzato il meccanismo di prenotazione volontaria e sono più indietro. È importante che ci si allinei sul meccanismo di chiamata attiva”.

“Il problema fondamentale però è che adesso stiamo ricominciando un vero e proprio giro di campagna vaccinale man mano che passano sei mesi dalla seconda dose per gli anziani – ha sottolineato Cartabellotta -. Siccome diverse regioni hanno smantellato gli hub bisogna riorganizzarsi. Entro la fine dell’anno le dosi booster ammontano a circa 12 milioni“, ha concluso l’esperto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»