fbpx

Tg Psicologia, edizione dell’8 novembre 2019

CASO BALOTELLI, LUCIDI: NON È FOLKLORE DA STADIO, MA RAZZISMO

No al giudizio delle intenzioni, valutare invece le azioni. “Non è accettabile” la giustificazione che “gli ululati non sono fatti per razzismo, ma per far innervosire l’avversario”. Non può essere, insomma, considerato “folklore da stadio”. Fabio Lucidi, preside della Facoltà di Medicina e Psicologia de La Sapienza, torna sul caso di Mario Balotelli, attaccante del Brescia, scoppiato durante la partita in casa del Verona.

DISTURBI ALIMENTARI, TRATTAMENTO PARTE DA RELAZIONE CON ALTRO

Nei disturbi del comportamento alimentare è presente “un problema di separazione e individuazione, che sottolinea una negazione dell’alterità”. Infatti, nell’individuo che soffre di questo disturbo entra in “crisi la relazione con l’altro a partire dal primo altro da sé, che è il corpo”. A parlarne è la psichiatra Rosa Bruni, che per il trattamento ricolloca al centro la relazione con l’altro.

PREMATURITA’, AL VIA LA SETTIMANA DI VALUTAZIONI GRATUITE IDO

Una settimana di valutazioni gratuite probono per i bambini nati sotto le 37 settimane, che abbiano un’età compresa tra 0 e 36 mesi. È l’iniziativa promossa dall’Istituto di Ortofonologia (IdO) a Roma dall’11 al 15 novembre in occasione della Giornata mondiale della Prematurità, che si celebra il 17 novembre. Ne parla Elena Vanadia, neuropsichiatra infantile dell’IdO.

A NOVEMBRE LA SICILIA SI TINGE D’INFANZIA CON SEMINARIO CIPA

A novembre la Sicilia si tinge d’infanzia per un convegno “che intende seminare una cultura sull’età evolutiva e l’adolescenza”, spiega Rosy Ingrassia, psicologa analista, docente e didatta del Cipa. L’appuntamento è sabato 16 novembre a Marsala con il seminario ‘Scenari evolutivi attraverso i processi di cura’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

8 Novembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»