Ex Ilva, Furlan: “Via legale troppo lunga, serve decreto sullo scudo penale”

Ieri sera il tavolo del governo. Boccia: "Il Paese è compatto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ condivisibile l’appello del governo a rimanere uniti. Ma e’ importante che tutti remiamo nella stessa direzione. Il paese deve scegliere da che parte sta”. Lo ha detto la segretaria della Cisl Annamaria Furlan al tavolo del governo sull’ex Ilva. “Credo che la via legale sarebbe troppo lunga ed alla fine ci ritroveremmo la fabbrica chiusa. Dobbiamo invece privilegiare un percorso che mantenga in vita la fabbrica e la produzione di acciaio nel nostro paese. Proprio per questo credo che il governo debba sgombrare subito il campo dalla questione dello scudo penale. Il decreto e’ la strada piu’ breve per togliere definitivamente dal tavolo quella questione che ha animato per tanto tempo il dibattito”. Furlan conclude: “Questo anche per impedire speculazioni da parte di Arcelor ed anche nella eventualita’ che altri soggetti si ritrovino nelle stesse condizioni. La certezza delle regole e’ una condizione imprescindibile per l’attuazione degli investimenti soprattutto da soggetti internazionali. E’ importante che il governo abbia detto di essere disponibile ad investimenti aggiuntivi sul piano tecnologico. Questo puo’ aiutare a riaprire un confronto con Arcelor”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»