Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Unioni civili. Della Vedova: “Effetti positivi anche per l’economia”

"Una piena uguaglianza di diritti rende il contesto sociale più aperto e attrattivo di talenti, intelligenze e iniziative economiche", spieg il senatore e sottosegretario agli Esteri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Sulle unioni civili “arrivare a una legislazione che è presente da tempo nell’ordinamento di tutti i paesi occidentali avanzati non renderà solo più facile e migliore la vita delle coppie che avranno finalmente a disposizione un istituto giuridico per regolare i diritti e i doveri nella vita comune. Renderà l’Italia più moderna e più capace di superare vecchie discriminazioni e antichissimi tabù, con effetti positivi anche sul piano economico“. Lo ha scritto il senatore e sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, in un messaggio inviato in occasione del Congresso dell’Associazione Radicale ‘Certi Diritti’ in corso ad Arezzo.

unioni civili

“Nei Paesi avanzati- ha aggiunto Della Vedova- c’è un’evidente correlazione tra legislazioni inclusive e sistemi economici dinamici e competitivi. Scegliere la strada dell’innovazione avrà effetti non solo sul piano dell’equità, ma anche della crescita. Una piena uguaglianza di diritti rende il contesto sociale più aperto e attrattivo di talenti, intelligenze e iniziative economiche. La road map del Parlamento- ha proseguito- è complicata dall’affollarsi di urgenze, ma anche questa finalmente lo è. Appartiene all’ordine delle priorità politiche ed è sostenuta da un’ampia maggioranza di consensi nel Parlamento e nel Paese. Il presidente del Consiglio, oltre che moltissimi membri del governo e della maggioranza, si sono fatti garanti della sua rapida approvazione e così sarà, malgrado gli auspici e gli ostruzionismi del fronte avverso, che ha il diritto di denunciare quello che giudica un nostro errore, ma- ha concluso Della Vedova- non quello di impedirci di fare valere le nostre ragioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»