Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione dell’8 ottobre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MIGRANTI, MATTARELLA: SERVE UNA GESTIONE COMUNE

“Il fenomeno migratorio va governato a vantaggio di tutti. O ne saranno travolti le ragioni dell’umanità e gli Stati”. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella interviene alla terza edizione della Conferenza ministeriale Incontri con l’Africa. L’evento riunisce a Roma le delegazioni di circa 50 Paesi africani e i rappresentanti del continente. “Se l’Europa ha compiuto grandi e gravi errori con l’Africa – ha sottolineato Mattarella – oggi si apre una stagione di leale collaborazione”. Parlando di clima e ambiente, il presidente della Repubblica ha sottolineato che la transizione energetica “è oramai un imperativo urgente”. Quanto all’emergenza sanitaria, il capo dello Stato ricorda che all’Africa è arrivato solo il 2% dei vaccini. “C’è un problema di equa distribuzione”, ha ammonito invitando a favorire l’industria farmaceutica nel continente. Dall’Europa a tal fine arriverà un miliardo.

DRAGHI ALLE AZIENDE: INVESTIRE SUL CLIMA CONVIENE

“Le imprese e i governi dovrebbero collaborare per affrontare il cambiamento climatico”. Il presidente del Consiglio Mario Draghi, nel suo intervento video al B20 Summit, sollecita le aziende a investire nella transizione energetica. Draghi ricorda che secondo le stime della Bce un cambiamento climatico incontrollato causerà un calo del 40% della produttività delle aziende entro il 2050. “Abbiamo bisogno di finanziamenti privati su vasta scala, insieme a maggiori investimenti pubblici, per accelerare la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio”, dice il premier. I paesi del G20 sono responsabili del 75% delle emissioni globali e la presidenza italiana del G20 sta lavorando per garantire che sia mantenuto l’impegno a limitare il riscaldamento globale entro l’aumento di un grado e mezzo rispetto ai livelli preindustriali.

PARISI ALLA PRECOP 26: SFORZO DEI GOVERNI INADEGUATO

I parlamenti in campo contro il cambiamento climatico. Montecitorio ospita la riunione dell’Unione interparlamentare in vista della COP26, la conferenza dell’Onu sul clima. Per il Presidente della Camera Roberto Fico le assemblee possono esercitare la necessaria pressione sugli esecutivi, spingendoli a perseguire gli obiettivi prefissati. “La transizione generale verso un modello sostenibile è l’unica via”, dice Fico. Ospite d’eccezione della sessione alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e’ stato il Premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi. Le conseguenze dei mutamenti climatici potrebbero essere peggiori delle attuali previsioni, dice Parisi. Bisogna agire per tempo, dimostrando di aver imparato la lezione del Covid. Ma fino ad ora lo sforzo dei governi e’ stato inadeguato.

MANCANO I GIOVANI, L’ARTIGIANATO A RISCHIO 

Senza i giovani l’artigianato italiano è a rischio. Perché tanti mestieri, soprattutto quelli manuali, scompaiono con gli ultimi, anziani artigiani. Daniele Vaccarino, presidente della Cna, lancia l’allarme. “È un problema enorme- dice intervenendo all’assemblea di Cna pensionati- l’artigianato è un elemento fondamentale per l’economia italiana che rischia di arretrare, perché non riusciamo a sostituire gli anziani con i giovani”. Vaccarino chiede al governo di adoperarsi per trasmettere ai giovani la passione per l’imprenditorialità e favorire la trasmissione d’impresa, dando così un impulso anche all’occupazione. “Senza ricambio generazionale- avverte Vaccarino- alcuni mestieri non ci saranno più”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»