Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Reggio Calabria Tar boccia il nuovo gestore della raccolta rifiuti

giuseppe falcomatà-min
Accolto il ricorso della società perdente e aggiudicazione della gara sospesa fino al 15 dicembre 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “La giornata di oggi non è positiva per la nostra città. Nelle scorse settimane avevamo comunicato l’aggiudicazione il bando per il nuovo servizio di raccolta rifiuti da parte della Teknoservice, ma è arrivato il ricorso della società Ecologia Oggi. E proprio ieri il Tar ha emesso un’ordinanza che accoglie il ricorso e sospende l’aggiudicazione della gara sino all’udienza nel merito del 15 dicembre 2021″. Così il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà nel corso di una diretta Facebook ha annunciato possibili difficoltà nell’aggiudicazione del nuovo servizio di raccolta e smaltimento di rifiuti nella città.

“Il problema – ha evidenziato – è che l’ultima ordinanza di proroga del servizio alla società che attualmente gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti, l’Avr, scade il 31 ottobre. Ciò significa che rischieremmo di trovarci in questi mesi senza nessuno che gestisca il servizio rifiuti. Un dramma, una situazione che dobbiamo evitare. Come? – si è chiesto Falcomatà – l’Amministrazione comunale si difenderà con quelli che sono gli strumenti giuridici a nostra disposizione con un ricorso cautelare al Consiglio di Stato, in cui saranno ribadite le nostre ragioni. Bisogna capire cosa fare dal 31 ottobre – ha aggiunto – e non vogliamo camminare da soli, servirà un percorso condiviso con Prefettura, con gli amministratori di Avr e con la Procura della Repubblica. Ho già avvisato il prefetto e all’inizio della prossima settimana, lunedì o martedì, ci sarà un confronto tra le parti per capire come affrontare i mesi successivi al 31 ottobre. Se – ha concluso – procedere con un’ulteriore proroga ad Avr oppure provvedere con altre misure alternative dal punto di vista legislativo sostenibili”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»