Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Santo Stefano di Sessanio torna a splendere la Torre Medicea

torre_santo_stefano
Danneggiata fortemente dal sisma del 2009. Liris: "Riconsegnato simbolo a intero territorio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’AQUILA – “La riconsegna della torre medicea, simbolo di Santo Stefano di Sessanio, rappresenta una festa non solo per la comunità del paese, ma per l’intero comprensorio che oramai da anni, anche grazie all’intraprendenza e al coraggio di numerosi imprenditori e operatori turistici, si identifica in quel monumento e in quel borgo, capace di attirare turisti da ben oltre i confini nazionali”. Lo dichiara in una nota l’assessore regionale alle Aree Interne Guido Liris che questa mattina ha partecipato all’inaugurazione della torre riconsegnata all’antico borgo dopo i danni causati dal sisma.

“Santo Stefano di Sessanio è stato capace di costruire un autentico brand territoriale, conosciuto sin dall’altro capo del mondo e grazie al quale è aumentata l’attrattività di un intero sistema locale – aggiunge Lirs – Potremmo parlare di un vero e proprio case history al quale altri Comuni potrebbero e dovrebbero ispirarsi, anche per invertire la tendenza che vede le aree interne e svantaggiate spopolarsi e soffrire di carenze di servizi. Oltre all’amministrazione guidata dal sindaco Fabio Santavicca, ringrazio l’Ufficio speciale per la ricostruzione dei Comuni del cratere – conclude che si è occupato del recupero costato circa 1,5 milioni di euro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»