Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Piemonte, il presidente Cirio ‘richiama’ Berlusconi: “Forza Italia ha bisogno di lui”

"Forza Italia può reggere e ha retto a momenti complicati", dice Alberto Cirio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Chiara Barison

TORINO – “Forza Italia ha bisogno di Silvio Berlusconi in campo, una figura di cui il nostro paese ha bisogno così come ha bisogno di Mario Draghi, cioè di persone che sono in grado di essere leader non solo a livello territoriale ma anche a livello internazionale”. Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, questa mattina in collegamento da Imperia su RaiNews24, ha riposto così alla domanda sulle ipotesi di soffocamento del suo partito a favore di Lega e Fratelli d’Italia.

“Forza Italia può reggere e ha retto a momenti complicati”, prosegue il presidente, a patto però che “si torni a dare valore alla competenza, alla moderazione e a uno spirito di economia liberale”. Valori che per Cirio sono stati “offuscati dal grillismo”.

Tuttavia, il nuovo corso incanalato dalle politiche dal presidente del Consiglio Mario Draghi secondo Cirio ha rimesso in campo competenze, moderazione e dialogo: “Ecco perché io vedo un grande futuro per Forza Italia– ha ribadito Cirio- e lo vedo proprio nel centrodestra, dove correttamente ci sono posizioni anche radicali su certi temi e che devono essere compensate all’interno dell’alleanza da una forza moderata quale siamo noi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»