L’Ordine dei medici di Roma: “Vaccino dal farmacista sarebbe esercizio abusivo della professione”

Cosi' il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Non e’ che non siamo d’accordo sul fatto che anche le farmacie possano fare i vaccini, e’ la legge a dirlo. Per fare un vaccino ci vogliono un medico e centri autorizzati. E in questo momento la legge vieta all’interno delle farmacie la presenza del medico, cosi’ come ai farmacisti di fare loro i vaccini”. Risponde cosi’ il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, interpellato sul tema ai microfoni di Teleradiostereo.

Per il farmacista si tratterebbe di esercizio abusivo della professione– ha proseguito Magi- ma anche il medico, per legge, non puo’ andare nelle farmacie. Bisogna cambiare la legge”.

In ogni caso, secondo il presidente dell’Omceo Roma, bisogna “sicuramente ampliare l’offerta vaccinale, perche’ quest’anno e’ necessario fare piu’ vaccini possibili. Oltre alle farmacie esistono altre alternative, i vaccini si possono fare nei poliambulatori o negli studi medici, anche privati. Insomma, i vaccini si possono fare in tutti i luoghi autorizzati”. Infine, si possono “potenziare anche i centri vaccinali”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»