Nave Rhapsody attracca al porto di Bari con 805 migranti a bordo

Tra loro ci sono un centinaio di minori non accompagnati che saranno trasferiti in un centro di accoglienza di Brindisi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Sono 805 i migranti a bordo della nave Rhapsody che questa mattina, proveniente da Palermo, ha attraccato nel porto di Bari. Tra loro ci sono un centinaio di minori non accompagnati che saranno trasferiti in un centro di accoglienza di Brindisi. A bordo per lo più tunisini, marocchini ed egiziani ma ci sono anche persone originarie di Bangladesh e Pakistan. Sono in corso le operazioni di fotosegnalamento. Al momento poco meno di 500 migranti sono stati sottoposti al secondo tampone risultando negativi. Del gruppo alcuni dovrebbero essere rimpatriati, altri riceveranno decreto di espulsione per poi lasciare il territorio nazionale e altri ancora potrebbero essere trasferiti in centri di accoglienza per richiedenti asilo.

451 PRONTI A SBARCARE DALLA RHAPSODY ATTRACCATA A BARI

Sono 451 le persone che saranno sbarcate dalla Rhapsody. Quasi cento di loro sono stati “avviati all’accoglienza diffusa sul territorio nazionale mentre altri raggiungeranno i centri di rimpatrio”, fa sapere la prefettura di Bari. Il gruppo è prevalentemente composto da nordafricani – tunisini, marocchini ed egiziani – e cittadini di Bangladesh e Pakistan. Le operazioni di sbarco sono ancora in corso. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»