Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, Conte: “Attenzione massima, la distrazione può portare a una nuova fiammata”

Il presidente del Consiglio intervistato da Le Monde: "Dobbiamo prendere nuove misure e dobbiamo obbligare i cittadini a rispettare le regole"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dietro ai dati io non vedo alcun miracolo ma solo i sacrifici”. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte illustra i caratteri salienti della nuova fase di contrasto alla pandemia in un’intervista a Le Monde e ad altri cinque quotidiani europei.

LEGGI ANCHE: Mascherine obbligatorie: ecco il testo del decreto

“Attenzione massima”, ribadisce il premier che spiega: “Non abbassiamo la guardia perché siamo consapevoli che una o due settimane di distrazione possono portare a una nuova fiammata. Ma noi siamo in condizioni migliori rispetto alla primavera. Abbiamo rafforzato il nostro sistema sanitario e le terapie intensive, investiamo nei test, invitiamo la popolazione a scaricare la app per il contact tracing Immuni…“.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Gimbe: “La curva si impenna, aumento costante di terapie intensive”

Ciononostante “dobbiamo prendere nuove misure e dobbiamo obbligare i cittadini a rispettare le regole. La salute è un obiettivo fondamentale, e in ogni caso, se non la si protegge, l’economia stessa affonda”.

LEGGI ANCHE: Per l’85% degli italiani torna la paura del Covid

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»