Ecuador. Cortei a Quito, il presidente si trasferisce a Guayaquil

Proteste continuano nonostante proclamazione stato di emergenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Palazzo presidenziale evacuato e trasferimento di emergenza fuori dalla capitale per il capo di Stato dell’Ecuador, Lenin Moreno. L’allerta è scattata per una nuova manifestazione di protesta a Quito contro i tagli a sussidi e spese sociali. Secondo la ricostruzione del quotidiano ‘El Comercio’, l’operazione è stata disposta mentre nel parco di Arbolito, nel centro di Quito, si stava preparando un corteo convocato da organizzazioni sociali e rappresentanti di comunità native. Insieme con la compagine di governo, Moreno si è trasferito a Guayaquil, principale città costiera e capitale economica del Paese, dove i gruppi animatori della contestazione sarebbero meno radicati. A innescare le proteste, che venerdì avevano spinto il presidente a proclamare lo stato di emergenza, il taglio di sussidi che per decenni avevano tenuto bassi i prezzi del carburante. Dopo il trasferimento a Guayaquil, in un discorso trasmesso in televisione, Moreno ha sostenuto che dietro le proteste c’è la mano del suo predecessore Rafael Correa. La tesi è che l’ex presidente, socialista, abbia ordito “un piano di destabilizzazione” insieme con il capo di Stato venezuelano Nicolas Maduro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»